Home > Webzine > Storie di emancipazione: al Florence Korea Film Fest “Nailed”, della regista Ha Yoon-jaeI
lunedì 26 ottobre 2020

Storie di emancipazione: al Florence Korea Film Fest “Nailed”, della regista Ha Yoon-jaeI

27-03-2019

Mercoledì 27 marzo 2019, sarà “Nailed”, primo lungometraggio della regista  Ha Yoon-jaeI, la proiezione principale della settima giornata del 17/mo Florence Korea Film Fest al Cinema La Compagnia (ore 20.00).  La pellicola è inserita nella sezione Independent Korea, che ospita lavori di giovani e talentuosi registi esterni alla grande distribuzione. Il film racconta la storia di una coppia che gestisce un’autofficina lungo la strada i cui mezzi di sostentamento sono minacciati dai camion che entrano ed escono da un vicino cantiere. Quando apprendono che gli scarti di metallo dei camion stanno perforando le gomme, iniziano a disperdere gli scarti e a guadagnare dalla sostituzione dei pneumatici.

La manifestazione, ideata e diretta da Riccardo Gelli dell’associazione Taegukgi – Toscana Korea Association che celebra il cinema sudcoreano, è organizzata in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana, Regione Toscana, Comune di Firenze, Confesercenti Firenze, Publiacqua e KOFIC - Korean Film Council, e inaugura l’ottava edizione della Primavera Orientale.

Le proiezioni partiranno alle 15.00 con “Golden Slumber”, action movie firmato da Noh Dong-Seok che racconta di Gun-Woo, un fattorino che dopo aver aiutato una ragazza vittima di una rapina ha vissuto un momento di popolarità e che adesso è tornato alla sua vita di grande lavoratore. Il giovane ancora non sa che la sua esistenza sta per essere nuovamente messa sotto i riflettori, stavolta però sarà  ingiustamente accusato di  omicidio. Costretto a darsi alla fuga dovrà capire di chi potersi fidare.

A seguire alle 17.00 la commedia “The King” di Han Jae-Rim, film che ancora una volta vede protagonista l'attore Jung Woo-Sung, ospite speciale del Florence Korea Film Fest. La pellicola racconta la storia dell’ascesa nei meandri della corruzione politica di un giovane procuratore interpretato da Zo In-Sung (“Madeleine”, “The Great Battle”). Nei panni del procuratore capo Han Kang-Sik, simbolo stesso del potere ma anche dell’illegalità e della prepotenza, Jung Woo-Sung che regala l’immagine inedita di un uomo attraente e di grande successo che, dietro a una smagliante facciata, nasconde una immensa meschinità. Un provocatore, un mentore sbagliato, un cattivo maestro che, ancora una volta, non si dimostra esente da paura e fragilità.

Da non perdere alle 22.30 l’appuntamento annuale col brivido con la Notte K-Horror. In programma “Gonjam: Haunted Asylum”, pellicola agghiacciante ambientata in uno dei luoghi che, leggenda vuole, siano tra i più infestati del mondo. Jung Bum-Sik alza l’asticella della sperimentazione registica aggiungendo all’espediente del found footage quello dei fenomeni paranormali in diretta live e delle riprese effettuate con la tecnica del point of view. Ha-Joon gestore di un network di intrattenimento dedicato al soprannaturale, decide di formare una squadra per realizzare delle riprese all’ospedale psichiatrico abbandonato Gonjiam dove, in passato, si sono verificati eventi terribili. Malgrado le credenze popolari attribuiscano alla struttura il carattere di luogo infestato, i ragazzi sono armati di entusiasmo. Solo all’inizio delle riprese, trasmesse in diretta, iniziano a manifestarsi dei fatti inspiegabili.

SALA MYMOVIES
A partire dalle 16.00 in Sala MyMovies la proiezione di 4 cortometraggi: “Soh
” corto sperimentale di Seo Bo-Hyung, che sarà ospite del festival, una ragazza che dopo aver assistito alla morte del suo compagno di stanza, rilascerà una dichiarazione a un detective; il mondo di una brava ragazza ben educata cambia quando decide di non tacere più nel corto “Good girl” di Jeong Ji-Hye; una normale corsa sull’autobus si trasforma in un pedinamento che sfocerà in pazzia nel corto “Bus” di Lee Gwang- Jin; e infine è la storia di una ragazza che cerca di guadagnare dei soldi per pagare la tariffa della sala studio quella descritta in “A Silent Dancing” di Gim Yu-ra.

EVENTI COLLATERALI
Fino al 28 marzo dalle ore 16.00, al cinema La Compagnia sarà possibile provare gli abiti tradizionali coreani “hanbok”, il tipico abito da cerimonia coreano. Inoltre fino al 30 marzo allo IED, Istituto Europeo di Design (via Maurizio Bufalini, 6r) sarà allestita la mostra “100 anni di cinema coreano” un’esposizione che raccoglie trenta manifesti e locandine dei film realizzate per i registi più amati e conosciuti, tra cui altri Park Chan-wook, Kim Ki-duk, Bong Joon-ho, Lee Chang-dong e gli attori fotografati nei ruoli più iconici, per celebrare l’importante anniversario di una delle cinematografie più amate nel mondo la cui diffusione in Italia è profondamente legata a Firenze e al suo Festival, organizzato dal 2003 dall’Associazione Culturale TAEGUKGI Exchange of Tuscan and Korean Cultures (ingresso libero, visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 20.00).

Il festival è organizzato grazie al contributo di Regione Toscana, Ambasciata della Repubblica di Corea in Italia, Consolato Onorario della Repubblica di Corea in Toscana, Istituto Culturale Coreano a Roma, Comune di Firenze, FST - Fondazione Sistema Toscana, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. Main sponsor: Asiana Airlines, Conad. Sponsor:  Hotel Savoy, Hotel Bernini Palace, Hotel degli Orafi, Grand Hotel Mediterraneo, Hotel Pierre, Villa Royal, La Fioreria, Ristorante Coreano Gangnam, Ristorante Dall’Oste, Ristorante Boccanegra, Ristorante Vecchio Mercato, Ristorante La Cocotte, Ristorante Acqua al2, Ristorante Firenzen, La Loggia, Carlo Bay, Kia-Buratti Auto, Istituto Alberghiero Saffi, Sbigoli Terrecotte, Studio Verdi, Arci, Hotel Plazzo Ricasoli. Media partner: AsianFeast.org, AsianWorld, Cinematographe, K-Tiger, Firenze Spettacolo, LongTake, Movieplayer, Mugunghwa Dream, Mymovies, Novaradio, Radio Italia Cina, Radio Toscana, TaxiDrivers, Vertigo24.

Per ulteriori informazioni: info@koreafilmfest.com - www.koreafilmfest.com