Home > Webzine > "La legge del terremoto", il documentario di Alessandro Preziosi allo Spazio Alfieri di Firenze
domenica 26 giugno 2022

"La legge del terremoto", il documentario di Alessandro Preziosi allo Spazio Alfieri di Firenze

17-11-2021
Sull'Italia martoriata dai sismi esce "La legge del terremoto", il film documentario opera prima di un volto amato della scena televisiva, cinematografica e teatrale Alessandro Preziosi, che, oltre a curare la regia, è anche narratore dell’intero progetto. Lunedì 15 novembre 2021 la proiezione, forse più sentita, nell'auditorium progettato da Renzo Piano a l'Aquila, proiezione che inaugura un tour di presentazioni per l'attore e regista che sarà ospite dello Spazio Alfieri, in via dell'Ulivo 8, per la visione in esclusiva a Firenze, mercoledì 17 novembre 2021 alle ore 17.00 e alle ore 19.00.

Come nasce questo progetto d'impegno? "L’idea mi è venuta nel 2018, quando, in occasione delle celebrazioni dei 50 anni dal sisma del Belìce, Sergio Mattarella mi fece presente quanto fosse importante il cinema civile" - ci spiega Preziosi - "In quel momento mi si è accesa una lampadina e mi sono chiesto: perché non provare a indagare quali sono le possibili metafore all’interno di una storia che ripercorre i nostri terremoti?". Partendo dalla sua testimonianza diretta del terremoto in Irpinia del 1980 da giovanissimo, Preziosi non si sofferma, se non in pochi e necessari momenti, su un racconto del dolore o della denuncia, ma intraprende un percorso all’interno dell’anima della sua nazione e della gente che la popola, ponendosi una fondamentale domanda: come si fa a ricostruire qualcosa, qualsiasi cosa, persa in un istante? Questa domanda è stata posta ad intellettuali, politici, storici, economisti, architetti, giornalisti che lo accompagnano con il loro contributo in questo viaggio esistenziale, storico e simbolico all'interno della nostra storia recente. Testimonianze d’eccezione e toccanti (come quelle di Erri De Luca, Francesco Merlo, Giulio Sapelli, Vittorio Sgarbi, Mario Cucinella, Pierluigi Bersani, Angelo Borrelli, Grazia Francescato), passaggi e riprese in luoghi di forte valenza simbolica come il cretto di Gibellina eternato dal genio di Alberto Burri, e uno sguardo sofisticato e insieme commosso e poetico. Il suo viaggio ci porta nel Belìce, colpito nel 1968, poi in Friuli, ad Assisi, l’Aquila, Amatrice. Sismi, ma anche esperienze, umanità, ricostruzioni. Insieme a straordinari documenti d’archivio (tra gli altri dell’Archivio Luce, delle Teche Rai, dei Vigili del Fuoco), il film disegna una mappa sorprendente di qualcosa che ci tocca da sempre, nel profondo.

Per ulteriori informazioni: www.spazioalfieri.it