Home > Webzine > North Korean Cinema
lunedì 18 novembre 2019

North Korean Cinema

16-12-2008
Repubblica Democratica Popolare di Corea (Corea del Nord): occupa la metà settentrionale della penisola coreana, confina con Russia, Cina, Corea del Sud, Mar Giallo e Mar di Giappone. E uno stato socialista guidato secondo il rpincipio dell'autosufficienza. L'ingresso in questo paese è complesso per la stampa e per i giornalisti ma non è difficile da raggiungere. Per scoprire qualcosa in più su questo bellismo, quanto estremamente povero paese del Sud-Est asiatico, sarà possibile da domani vedere quattro film e un documentario, affiancati da due mostre, una sulla cartellonistica politica, l'altra fotografica: la prima edizione del North Korean Cinema. L’appuntamento è il 17 e 18 dicembre al cinema Odeon di Firenze. Le pellicole selezionate cercano di offrire un ventaglio storico e tematico che documenta nel modo più variegato e comprensivo le principali tendenze della tradizione filmica nordcoreana. Nel dettaglio, la selezione propone una ricognizione sulle tematiche ricorrenti di una produzione inevitabilmente politicizzata e ideologica che richiede una precisa contestualizzazione critico-storica al fine di non incorrere in facili abbagli sia di pregiudizio estetico, sia di manipolazione propagandistica. I film in programma sono i seguenti: Flower girl, La storia di Chun-hyang, Bellflower, A schoolgirl’s diary. Presente anche un documentario,A state of mind. Alla due giorni di Festival anche un’anteprima della mostra fotografica ‘Corea: un viaggio impossibile?’ del fotografo Alessandro Belgiojoso. Le fotografie illustrano la realtà della Corea contemporanea, ultimo residuo della divisione del mondo in due blocchi contrapposti. Le fotografie, uniscono nella rappresentazione fotografica le due Coree, del Nord e del Sud, e tracciano il percorso di un viaggio oggi impossibile dissolvendo la linea di confine che sopravvive lungo il 38° parallelo. La mostra è un anteprima all’esposizione che si realizzerà il prossimo anno a Marzo durante il Korea Film Fest, festival cinematografico dedicato alla produzione sudcoreana.