Home > Webzine > Documentario su Hendrix inaugura ''Stop Making Noise!'' alle Murate
mercoledì 21 ottobre 2020

Documentario su Hendrix inaugura ''Stop Making Noise!'' alle Murate

04-07-2012
Sarà il documentario "Jimi Hendrix" di Joe Boyd, John Head e Gary Weis, del 1973, sul grande chitarrista, ad inaugurare, mercoledì 4 luglio 2012 (ore 21.30, ingresso libero) a Le Murate di Firenze, la seconda edizione della rassegna “Stop making noise!”, la selezione di documentari rari e di culto dall’archivio storico del Festival dei Popoli (che conta 15 mila titoli) per cinque appuntamenti fino al 1 agosto. Nel documentario Hendrix viene ricordato dalla famiglia, amici e leggende del rock come Eric Clapton, Mick Jagger, Pete Townshend e Little Richard. Le testimonianze si mescolano alle immagini degli elettrizzanti concerti di Monterey e Woodstock, le performance ai Festival dell'Isola di Wight, al Club Marquee di Londra e al Fillmore East. La selezione è stata curata dal critico musicale Giuseppe Vigna e rientra nell’ambito dell’Estate Fiorentina.
La rassegna prosegue mercoledì 11 luglio con "Ornette: Made in America" di Shirley Clarke (USA, 1985) sulla movimentata vicenda di Ornette Coleman, pioniere del Free Jazz. Mercoledì 18 luglio sarà la volta della fiction "Sun Ra - Space is the Place" di John Coney (USA, 1974, 85') in cui il leggendario Sun Ra arriva dallo spazio per salvare i suoi fratelli afroamericani in pericolo. Un'ambientazione thriller e fantascientifica ideale per Sun Ra e la sua musica. Giovedì 26 luglio sarà proiettato "Tom Zé astronauta libertado" di Igor Iglesias González, Spagna( 2009) sul mondo artistico di Tom Zé, fatto di sperimentazione incessante e di rottura con la musica "corretta" e commerciale, raccontato a partire da un workshop e un concerto in Spagna. Chiude la seconda edizione della rassegna, mercoledì 1 agosto, "Coração Vagabundo" di Fernando Grostein Andrade, Brasile (2008) sul ritratto di Caetano Veloso con le testimonianze di amici tra cui Pedro Almodóvar, David Byrne e Michelangelo Antonioni. Dal Brasile a New York fino al Giappone, durante il tour per l'uscita del suo primo album registrato interamente in lingua inglese. Ingresso Libero. Proiezioni con audio in cuffia.