Home > Webzine > XIII edizione del ''River to River - Florence Indian Film Festival''
venerdì 15 novembre 2019

XIII edizione del ''River to River - Florence Indian Film Festival''

22-11-2013
Da venerdì 22 a giovedì 28 novembre presso il Cinema Odeon di piazza Strozzi a Firenze si terrà la 13a edizione del "River to River - Florence Indian Film Festival". L'evento è organizzato all'interno della rassegna "50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze" e si avvalerrà di tanti ospiti prestigiosi provenienti dal sub-continente asiatico e non solo. Oltre a questi, nel cartellone del festival ci saranno 40 film, tra prime nazionali, europee e mondiali, 4 eventi speciali e una retrospettiva. Il film si divide in tre sezioni competitive (lungometraggi, cortometraggi e documentari), eventi speciali, incontri ed eventi collaterali. Saranno molti i momenti di approfondimento con attori e registi ospiti. I film tratteranno tematiche quali "donne e diritti", "usi, costumi e tradizioni in India", "il nuovo cinema di animazione" e "Bollywood tra luci ed ombre". In seguito, il "best of" dell'edizione 2013 saranno proiettati al Nuovo Cinema Aquila di Roma da venerdì 29 novembre a domenica 1 dicembre e a febbraio allo Spazio Oberdan di Milano.
Questo anno, la madrina della manifestazione, unica in Italia nel suo genere, sarà l'attrice pluripremiata e attivista indiana Shabana Azmi: ospite d'eccezione del festival, la Azmi verrà omaggiata con la prima retrospettiva italiana dei suoi film più importanti: Fire (1996), film che narra di un amore tra due cognate, che in India suscitò un grande scandalo; Ankur (1974), l'esordio dell'attrice e La città della gioia, film cult indiano del 1992, tratto dal best seller di Dominique Lapierre. La Azmi è conosciuta in tutto il mondo anche per il suo impegno nel sociale per i diritti delle donne e la lotta contro la discriminazione sociale: è rappresentatnte del Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione, Presidente di ActionAid India (ONG impegnata nella lotta contro povertà e discriminazione) ed ex membro dell'Assemblea degli Stati del Parlamento Indiano.
"Questa edizione è fortemente caratterizzata dalla presenza delle donne indiane e la manifestazione stessa è dedicata al rispetto del genere femminile" - spiega Selvaggia Velo, direttore della manifestazione, alla conferenza stampa di presentazione del festival - In occasione della "Giornata internazionale contro la violenza sulle donne", la rassegna presenterà un focus sul tema della donna in India introdotto da un film, Lessons in forgetting, incentrato sulle giovani indiane che lottano per difendere i propri diritti e la propria emancipazione in una situazione in un contesto culturale sicuramente non facili. Parlerà anche di questo Shabana Azmi nella sua conferenza stampa di venerdì 22. L'obiettivo del River to river è sempre quello di mostrare a 360° l'India e tutte le sue sfaccettature che noi non conosciamo sino in fondo. Speriamo che questa sia l'occasione giusta per eliminare alcuni stereotipi che il paese asiatico si porta dietro da tempo e che questa rassegna sia  una possibilità per tanti di conoscere meglio la realtà indiana, anche attraverso film fuori concorso come quelli dei giovani registi indiani, che cercheremo di promuovere proiettando alcune loro prime pellicole".Alla conferenza stampa di presentazione ha preso parte pure Sergio Givone, Assessore alla Cultura del Comune di Firenze, che ha detto: "River to river: dall' Arno al Gange. Due mondi che sembra così diversi ed antitetici possono in realtà rivelarsi ideologicamente abbastanza vicini e con tratti simili. Firenze è una città piccola, in confronto alle grandi metropoli, ma che dentro di sè racchiude una grande pluralità di anime ed accoglie gente da ogni dove: una vera città cosmopolita. Dall'altra parte c'è l'India, un sub-continente di enormi proporzioni, ma che si divide in tante realtà locali. Ecco, quindi, come si possono unire due mondi apparentemente diversi, ma che sanno comunicare ed interagire tra loro. Il festival è una grande possibilità per far conoscere in profondità l'India e gli indiani in tutti i loro aspetti". Sulla stessa lunghezza d'onda è Stefania Ippoliti, Responsabile Mediateca e Area Cinema FST, che ha dichiarato: "La condivisione di questo progetto tra Comune e Regione è un aspetto molto positivo di questo evento. Le proposte cinematografiche spazieranno su più temi e cercheranno di cogliere interessi vari da parte del pubblico. Inoltre, la presenza fissa da parte dell'ambasciatore dell'India durante le nostre proiezioni testimonierà come questa occasione di conoscenza non sia banale ed anche nel paese asiatico ci sia molta attenzione per questo evento".

Per informazioni: www.rivertoriver.it

di Alessio Segantini