Home > Webzine > Uno sguardo su Haiti e i migranti in Argentina per ''I mercoledi dell’America Latina'' all'Alfieri
venerdì 22 novembre 2019

Uno sguardo su Haiti e i migranti in Argentina per ''I mercoledi dell’America Latina'' all'Alfieri

13-04-2016
Uno sguardo su Haiti e la vita dei migranti in Argentina: sono questi i temi che saranno affrontati il 13 aprile presso il cinema Spazio Alfieri di Firenze (via dell’Ulivo, n.6) nella doppia proiezione de "I mercoledi dell'America Latina", iniziativa che porta a Firenze il meglio della produzione cinematografica dedicata al continente sud-americano.

Il progetto nasce per iniziativa del “Centro studi Jorge Ejelson” di Firenze e propone fino al 6 maggio le opere più premiate ed acclamate presentate alla 30° edizione del Festival del Cinema Latinoamericano, diretto da Rodrigo Díaz. Tutti i film sono proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Ad aprire la serata, alle ore 20.30, sarà  “Ayiti Toma” di Joseph Hillel (Haiyi, 2013), premio come miglior sceneggiatura, uno sguardo ampio su Haiti da parte dei suoi abitanti, sociologi, storici, ragazzi e sacerdoti vudù. Hillel, che vive e lavora in Canada, ha voluto filmare Haiti al di là dei soliti stereotipi, lasciando che gli abitanti parlino per se stessi. Ne scaturisce un documentario impressionista di ampio respiro, in cui ognuno ha qualcosa da dire e tutti condividono lo stesso desiderio di mostrare la diversità e la ricchezza di un popolo. Come l'antropologo Ira Lowenthal che è affascinato dalla ricchezza delle risorse spirituali, in cui i diseredati della terra possono trasformarsi in dei, o come il famoso attore Sean Penn.

Seguirà, alle ore 22.15, “La ballena va llena” di Daniel Santoro (Argentina, 2014), commedia del collettivo socio-politico “Estrella del Oriente”, che vuole essere una riflessione sul ruolo dei migranti. Racconta del progetto che prevede di far salire a bordo di una nave da crociera (a forma di balena) migranti desiderosi di migliorare la propria vita. Mediante l'intervento di curatori, artisti ed esperti nel mondo dell'arte i migranti saranno istruiti e preparati spiritualmente. Il collettivo Stella Oriente, formato da artisti, musicisti, scrittori e poeti, intende infatti risolvere due problemi contemporaneamente: le cattive condizioni di vita dei paesi del cosiddetto Terzo mondo e la carenza di rinnovamento artistico dei paesi del "Primo" mondo.

A presentare i film ci saranno Antonella Ciabatti e Martha Canfield del Centro studi Eleison.

Biglietti. Ingresso singolo intero 6 euro, ridotto 5 euro. Giornaliero 8 euro, con aperitivo 15. Abbonamento a tutta la rassegna 25 euro.

Per informazioni www.centroeielson.com  e www.spazioalfieri.it, infoline al numero 055 5320840