Home > Webzine > Il Conservatorio Cherubini presenta il libro ''Storia del jazz'' di Stefano Zenni
venerdì 15 novembre 2019

Il Conservatorio Cherubini presenta il libro ''Storia del jazz'' di Stefano Zenni

20-01-2014

Si svolgerà Lunedì 20 Gennaio alle ore 21.15, presso la Sala del Buonumore del Conservatorio Cherubini di Firenze, in piazza delle Belle Arti, la presentazione di ‘La storia del jazz’ dello scrittore Stefano Zenni (Stampa Alternativa, 2013), alla presenza dell’autore, critico e giornalista musicale Paolo Carradori. Seguirà il concerto del duo composto da Claudio Giovagnoli al sax tenore e da Simone Graziano al pianoforte, su musiche originali composte dai due musicisti. Il sottotitolo, ‘Una prospettiva globale’, esemplifica l’intento del libro, che vuol essere ‘la più ricca e completa storia del jazz mai pubblicata in italiano’. Le vicende musicali vi sono narrate nell’abbraccio fra Stati Uniti ed Europa, America Latina e India, Giappone e Russia, gettando luce sulle complesse relazioni culturali e artistiche dell’espansione musicale afroamericana tra il xvi e il xxi secolo. E la musica è vista anche nelle sue connessioni con gli stili di danza, i diversi ambienti (club, sale da ballo, teatri), le condizioni professionali (il ruolo di produttori e manager, le regole del music business) e i movimenti politici, in un’indagine globale e profonda. Soprattutto, centinaia di capolavori del jazz vengono offerti alla comprensione del lettore sulla base di robuste fondamenta musicologiche, con una prosa rilassata e avvincente. Emerge una prospettiva polistilistica, che si avvale delle metodologie più avanzate; una visione inedita che include le relazioni fra individui, i movimenti geografici – le migrazioni intercontinentali come le microdinamiche urbane – e gli intrecci fra generi, senza trascurare i rapporti fra jazz e musica classica, tra improvvisazione e scrittura.
Rovesciando i cliché consueti, l’autore inaugura così un nuovo paradigma narrativo, usando innovativamente rimandi grafici agli ascolti, diagrammi di ausilio all’analisi delle composizioni, illustrazioni e mappe che esaltano il taglio geografico del racconto. Un’indispensabile integrazione al precedente e pluripremiato volume dello stesso autore, I segreti del jazz: uno dei più apprezzati successi editoriali del settore.
Ingresso libero.
Per ulteriori informazioni: www.conservatorio.firenze.it

GP