Home > Webzine > Cellule d’Intervention Metamkine in scena per la serata conclusiva del ''Tempo Reale Festival''
lunedì 18 novembre 2019

Cellule d’Intervention Metamkine in scena per la serata conclusiva del ''Tempo Reale Festival''

04-10-2014

Tempo Reale Festival si conclude sabato 4 ottobre, ore 21.30 al Teatro Cantiere Florida di Firenze con l’elettronica vintage di Cellule d’Intervention Metamkine, lo storico collettivo multimediale che raccoglie musicisti e registi che ricercano il rapporto tra immagine e suono nella tradizione dell’Expanded Cinema, ovvero il cinema come opera d’arte visiva. Applauditi in Francia, Canada, USA, Giappone, Australia e Nuova Zelanda, Metamkine, attraverso la magia di proiezioni riflesse su specchi sullo schermo con più fonti di 16mm, produce un vero e proprio film per le sue esibizioni fatte di pura improvvisazione; immagini, combinazioni e sequenze estemporanee intorno al tema narrativo a cui si lega una colonna sonora realizzata in diretta con l’impiego di registratori a nastro e suoni di antichi sintetizzatori.

La formazione attuale di Cellule d’Intervention Metamkine vede tre membri, che collaborano insieme da più di 10 anni e che hanno spinto i confini del cinema e della colonna sonora nell’ambito della performance dal vivo: Christophe Auger e Xavier Querel ai film e ai proiettori 16 mm, Jérôme Noetinger ai dispositivi elettroacustici.

Originari di Grenoble, i Metamkine sono presenti sulla scena internazionale dal 1987 con performance di cinema e musica elettroacustica. Hanno realizzato performance in festival, gallerie, cinema e spazi dedicati all’arte contemporanea di tutto il mondo. Dal 1995 hanno sviluppato collaborazioni con altri gruppi o artisti come Nachtluft, Kinobits, Loophole Cinema, Tom Cora, Le Cube, La Flibuste, Voice Crack.

I materiali sono la pellicola e il suono, ma l’integrazione tra gli elementi è tale da confondere ed amalgamare completamente le prospettive: la cellula d’intervento Metamkine sintetizza il film, il suono, e la stessa presenza fisica dei performer in un corpus immaginifico. Dal vivo producono e dirigono ogni volta un nuovo film, riversando spirali di disegni e immagini, attraverso una dislocazione ingegnosa e la magia di specchi e multiproiezioni accompagnate da tracce audio di frammenti di nastro magnetico e vecchi sintetizzatori. Grazie ai Metamkine l’edizione 2014 del Tempo Reale Festival sarà in grado di offrire un’esperienza di una musica liberata dalla schiavitù del cinema, e un cinema dal vivo proiettato come se fosse musica, in cui chi maneggia i proiettori 16mm gode della stessa spontaneità di uno strumentista. Uno spirito improvvisativo serrato e articolato sarà così al servizio di composizioni provate e riprovate. Per sovvertire le aspettative, per gioire nel fare musica collettivamente.

Per informazioni: www.temporealefestival.it