Home > Webzine > “Ritratti di paesi, mari e città” in mostra alla Galleria Palatina
giovedì 14 novembre 2019

“Ritratti di paesi, mari e città” in mostra alla Galleria Palatina

15-10-2014

La Galleria Palatina, con l'intento di valorizzare le opere custodite nei propri depositi, ha ideato la mostra “Ritratti di paesi, mari e città” che potrà essere visitata dal 15 ottobre al 18 gennaio 2015.
“Questa mostra- afferma la Sopraintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini- conferma la vitalità dei depositi dei grandi musei, dai quali possono emergere rassegne intelligenti e mirate come queste, che arricchiscono e rinnovano l’offerta del museo stesso”.
L’esposizione è composta da 32 opere che, divise in sei sezioni, abbracciano ben quattro secoli. Il filo conduttore è la rappresentazione fedele della realtà circostante in alcune mappe, carte geografiche, immagini del territorio e di eventi storici quali feste e battaglie. Il percorso inizia con la trascrizione pittorica dei vari episodi della “Battaglia di scannagallo” del fiammingo Jan van del Straet, detto Giovanni Stradano e prosegue con i duelli di Willelm van de Velde il vecchio. La sezione dedicata alla devozione per i luoghi, inaugurata con la tavola di Biagio d’Antonio “San Francesco riceve le stimmate”, prosegue con dei dipinti che rappresentano la Firenze medicea. Casimire Freschot invece, con la sua tombola, nata per istruire i giovani patrizi, raffigura la nascita cartografia moderna. Il percorso va poi a toccare il tema della veduta tout court, nata nel XVII secolo, resa attraverso le miniature della città di Roma realizzate da Cruyl, nelle quali si racconta con minuziosa precisione i dettagli urbanistici e la vita della “città eterna”. Appartengono a questo nucleo anche delle telette che ritraggono i luoghi di Napoli, dipinte per essere montate sulle finestre della granduchessa Maria Antonietta di Borbone, che godono nella mostra di una suggestiva retroilluminazione.
Questa forma  pittorica, con il tempo si concentra sulla narrazione dei luoghi dedicati allo svago, come esemplificano le opere di Jacob Schlachter e quella di Tommaso Gherardini che ritrae il “Palio dell’antenna" che si svolgeva nel porto mediceo di Livorno.
Per maggiori informazioni: www.uffizi.firenze.it

Martina Viviani