Home > Webzine > ''Nemico pubblico'': Giorgio Montanini al Teatro Puccini di Firenze
venerdì 15 novembre 2019

''Nemico pubblico'': Giorgio Montanini al Teatro Puccini di Firenze

27-11-2014

Giovedì 27 novembre è in programma lo spettacolo "Nemico pubblico" di e con Giorgio Montanini, alle ore 21.00, al Teatro Puccini di Firenze (via delle Cascine, 41).
“Nemico Pubblico” è un monologo satirico di stand up comedy. In quanto satirico, mette in evidenza le contraddizioni della nostra società penetrandola come un bisturi, in profondità, e sollecitandone i nervi scoperti. Viviamo in un paese in cui nessuno si assume la responsabilità di quello che succede, l’origine di tutti i mali è sempre da ricercarsi nella tanto vituperata “casta”, ma se, come diceva George Carlin: “la classe politica è il massimo che una società possa esprimere”, forse dovrebbe sorgere il dubbio che la colpa è soprattutto nostra. La satira da duemila anni sferza il potere con gioiosa ferocia, e anche questo monologo non fa differenza, ma non prende di mira il classico potere costituito quanto quello rappresentato dall’ipocrisia della società, della gente, del vicino di casa, la nostra. Sesso, suffragio universale, razzismo, capitalismo, fede, catarsi, tutti argomenti osservati da un punto di vista originale che cerca di abbatterne i luoghi comuni, le certezze le convenzioni. Perché “Nemico Pubblico”? Perché mentre assistiamo all’inesorabile declino della comicità televisiva, ammiccante e rassicurante, un monologo che non fa sconti che abbatte gli steccati e mette in dubbio le nostre certezze potrebbe essere percepito come un nemico. E perché il pubblico, in quanto pubblico e uomo comune, è il nemico di se stesso. In “Nemico Pubblico” il comedian prende sotto braccio il pubblico e insieme affrontano un viaggio alla ricerca di quel marcio che ci è scivolato dentro e che è l’unica cosa che ci rende tutti uguali. Giorgio Montanini fa parte del collettivo Satiriasi, che riunisce una nuova generazione di stand up comedians che, messi davanti ad un microfono, senza scenografie e orpelli, denudati della quarta parete, evidenziano le contraddizioni della nostra società penetrandola chirurgicamente, in profondità, sollecitandone i nervi scoperti.

Per informazioni: www.teatropuccini.it

N.G.