Home > Webzine > ''Cooncertiamo'': appuntamento finale con l'Orchestra Giovanile Italiana
martedì 12 novembre 2019

''Cooncertiamo'': appuntamento finale con l'Orchestra Giovanile Italiana

19-02-2015

Tra Gennaio e Febbraio la Cultura ha fatto il suo ingresso nei centri commerciali di Unicoop Firenze, che si sono trasformati in palcoscenici per decine di artisti, cantanti, scrittori e istituzioni culturali.
Primo esperimento a livello nazionale, "Cooncertiamo" è riuscito a proporre la cultura, in tutte le sue espressioni, in modo originale e innovativo, portandola all'interno di attività commerciali, tra il bancone della frutta e quello dei detersivi, con l'intento di soprendere e divertire i passanti e "allargare la platea degli interessati al mondo culturale", come ha spiegato il Responsabile Relazioni Esterne dell'Unicoop Firenze Claudio Vanni, alla Conferenza conclusiva dell'iniziativa. "Cosa può fare l'Unicoop di Firenze per la Cultura?" è la domanda chiave che trainato questa iniziativa, affinchè il cosidetto "cibo per la mente" possa diventare appannaggio dei più e non dei pochi; e la cooperativa, che ha fatto della solidarietà, dell'ascolto e del contatto capillare "con la gente" i suoi valori fondanti, si è chiesta proprio cosa fare per cultura e per la gente, in un momento in cui si ha difficoltà a far quadrare il bilancio familiare e in cui la spesa culturale è la prima ad essere tagliata.
"L'Unicoop Firenze non vuole essere solo uno sterile sponsor: in quanto organizzazione di massa vuole capire cosa può fare per la promozione della cultura", ne vuole diventare uno strumento di veicolazione e di diffusione. Attraverso un intervento di sostegno con i punti vendita dei biglietti nei supermercati, unito ad uno sconto del 20% sulla spesa per chi ne avesse comperato uno, le performances erano "pillole di spettacoli" veri e propri e hanno offerto un'occasione di evasione dalla meccanica realtà quotidiana a chi si trovava all'interno del supermercato, che fosse un cliente-socio o un dipendente. Non si tratta quindi di essere solo un sostegno passivo, ma di credere e supportare l'iniziativa e l'investimento in modo attivo, affinchè l'effetto promozionale sulle persone sia reale, concreto e visibile.

E i risultati lo sono stati; positivi e immediati: 46 punti vendita Unicoop Firenze coinvolti, da quelli più grandi a quelli più piccoli; 210 artisti e 40 Enti e Associazioni Culturali che hanno collaborato (tra cui i nomi di Bandabardò, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Sandro Veronesi, Paolo Hendel, pannelli grafici della mostra di Picasso e tanti altri); 80 eventi realizzati in poco più di un mese; 38 mila persone impegnate sui social network; 50 testate giornalistiche, locali e nazionali, ne hanno parlato del progetto; e infine un incremento del 27% dei biglietti venduti al Box Office delle rete Unicoop Firenze.
Riccardo Basile dell'Orchestra della Toscana e Lorenzo Cinatti della Scuola Musica di Fiesole hanno espresso un concetto interessante e condivisibile: la cultura deve incontrare la gente e non temerla. E' quindi vitale per "il mondo delle attività intellettuali" che questo sia fisicamente portato, trascinato, condotto tra le persone che hanno, anche e ovviamente, sensibilità culturali diverse, per avere una possibilità di maggiore partecipazione e coinvolgimento. "L'opera d'arte è opera d'arte perchè esiste un pubblico", dice Riccardo Lami della Fondazione Palazzo Strozzi, e portare ricchezza e identità e cultura alla Coop significa attivare lo spettatore nella creazione dell'opera d'arte, fare in modo che quell'opera diventi opera d'arte. 
Un'occasione in cui il mondo della cultura ha cooperato, comunicato e condiviso per trovare soluzioni comuni a problemi comuni e il successo è stato per tutti: per l'Unicoop Firenze, per gli Enti e le Associazioni coinvolte, per gli artisti stessi che si sono scontrati con un'esibizione inusuale per la loro formazione e per il pubblico; tanto che l'idea non è quella di finirla qui, ma anzi di sviluppare, in futuro, un calendario più duraturo.

Intanto Giovedì 19 Febbraio al Teatro Obihall di Firenze, alle ore 20.45, c'è il grande evento finale di "Cooncertiamo" e l'appuntamento è con l'Orchestra Giovanile Italiana. Il concerto è a invito gratuito e ogni Carta Socio dà diritto a massimo 4 biglietti, disponibili presso il Box Office dei punti vendita Unicoop Firenze.

Per maggiori informazioni: www.coopfirenze.it

di Alice Santaniello