Home > Webzine > #ioleggoperché: ''Valichi'' di Giovanni Parrini all'Ibs
mercoledì 20 novembre 2019

#ioleggoperché: ''Valichi'' di Giovanni Parrini all'Ibs

23-04-2015
Giovedì 23 aprile Giovanni Parrini presenta il suo libro "Valichi", alle ore 21.00, al bookshop Ibs di Firenze (via de Cerretani). L'appuntamento fa parte di "Io leggo perché", l'iniziativa nazionale di promozione del libro e della lettura, in occasione della Giornata Mondiale del Libro. Intervengono: Franco Contorbia, Professore ordinario di letteratura moderna e contemporanea presso il Dipartimento di Italianistica, Romanistica, Antichistica, Arti e Spettacolo (DIRAS) dell'università di Genova; Stefano Carrai, Professore ordinario di letteratura italiana presso il Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche e Moderne (DFCLAM) dell'università di Siena.
Giovanni Parrini è un poeta che cerca nel visibile la via per l'invisibile, nella finitezza delle cose e nello scorrere del tempo la dimensione dell'infinito. Una ricerca ardua, disseminata di dubbi, di esitazioni, smarrimenti. Gli uomini paiono sperduti in un mondo di cui ignorano il senso, e in cui sembra prevalere la legge della sofferenza, che non risparmia nemmeno la materia inerte, o gli oggetti della nostra vita quotidiana, come il lampeggiante di un'autoambulanza che all'improvviso sembra percepire "il volto vero" del fato. Eppure, proprio questo è il compito che Parrini assegna alla poesia: vincere l'aridità del cuore, l'indifferenza dello sguardo, spingersi "nell'oltre delle cose", come recitava il titolo del libro precedente. Questo doppio movimento - della mente che indaga e giunge alla percezione di un nulla cosmico; del cuore che si ribella, e s'inoltra per vie nuove, che aprono a una forma più misteriosa di conoscenza - si rispecchia nel movimento strappato dei versi, ora brevissimi ora lunghi, quasi al limite del respiro. Una poesia di natura meditativa e di forte tensione metaforica, che obbliga il lettore a confrontarsi con il significato della vita, a discendere nelle profondità del tempo e della memoria, "affinché - come leggiamo nei versi conclusivi della raccolta - dilaghi l'invisibile nelle nostre evidenze".

Info: www.ibs.it - www.ioleggoperche.it