Home > Webzine > ''Acqua che nutre, acqua che distrugge'': incontri e laboratori al Museo First di Firenze
martedì 12 novembre 2019

''Acqua che nutre, acqua che distrugge'': incontri e laboratori al Museo First di Firenze

22-05-2015
Venerdì 22 maggio 2015 dalle 17.30 fino alle 22.00 nelle sale del Museo FirST - Firenze Scienza e Tecnica è in programma l'evento "Acqua che nutre, acqua che distrugge", organizzato dal Museo ospitante e da Water Right Foundation, in collaborazione con Publiacqua, Comitato Firenze 2016, Università di Firenze. Tema centrale dell'iniziativa sarà, come si evince dal nome dell'evento, l'acqua. L'attenzione dei presenti sarà focalizzata su questo elemento secondo una visione globale, prendendo in considerazione molteplici prospettive, benefiche ma anche devastanti: sotto il punto di vista della nutrizione, perché serve per produrre alimenti, gran parte dei quali senza questo prezioso bene non sarebbero commestibili, ma anche sotto quello dei danni ambientali, essendo in aumento le catastrofi idrogeologiche, dato che è alle porte la ricorrenza del 50° anno dall'alluvione di Firenze. Sono previste relazioni, laboratori didattici e ludici. Seguiranno una lezione al Planetario e una visita alle collezioni del Museo. Tra le due sessioni si svolgerà un buffet a base di cibi a impatto idrico sostenibile.
Museo FirST - Firenze Scienza e Tecnica della Fondazione Scienza e Tecnica vantano una preziosa collezione di oltre 3000 strumenti che servirono alla didattica della Fisica tra l'800 e il 900. Restaurata e catalogata, la Collezione del Gabinetto di Fisica si è nel tempo arricchita di modelli e di macchine e cinematismi, con strumenti che permettono di illustrare leggi e fenomeni di Meccanica, Pneumatica, Acustica, della Termologia, Ottica ed Elettromagnetismo. Fiore all'occhiello del Museo è senz'altro il Planetario ZEISS ZKP2, un luogo privilegiato per studenti, appassionati di astronomia e per chi vuole approfondire la conoscenza e la comprensione dei fenomeni celesti. Il planetario, ospitato all’interno di una cupola di 8 metri di diametro capace di accogliere 54 persone, consente di riprodurre il movimento diurno o annuale dei vari corpi celesti, di simulare il cielo per una qualsiasi latitudine della terra e la precessione dell’asse terrestre.

Info: www.museofirst.it

TS