Home > Webzine > ''O flos colende'': Thierry Escaich concerto al grande organo Mascioni
mercoledì 20 novembre 2019

''O flos colende'': Thierry Escaich concerto al grande organo Mascioni

11-06-2015

Giovedì 11 giugno 2015, alle ore 21.15, presso l'Opera di Santa Maria del Fiore a Firenze, per la rassegna "O flos colende" è in programma il concerto di Thierry Escaich al grande organo Mascioni.
Compositore assai versatile, autore anche di balletti e di un’opera lirica (Claude, andata in scena all’Opéra di Lione), celebrato organista e rinomato maestro dell’improvvisazione a livello internazionale: è il francese Thierry Escaich, musicista carismatico anche per questa sua caleidoscopica e pressoché unica personalità. Organista formidabile, sarà proprio lui a far rivivere le possenti sonorità del grande organo Mascioni del Duomo di Firenze nel concerto di Giovedì 11 Giugno (ore 21.15, ingresso libero su prenotazione), nuovo appuntamento della rassegna O flos colende e unica data in Italia dell’artista. La voce spiccatamente sinfonica e la potenza delle 7000 canne del Mascioni permetteranno a Escaich di esprimere al massimo le sue doti interpretative, e soprattutto quell’abilità virtuosistica nell’improvvisazione che appartiene alla scuola francese rappresentata da Maurice Duruflé: Escaich, che insegna improvvisazione al Conservatoire national supérieur di Parigi, di Duruflé è stato oltretutto il successore come organista nella chiesa di St. Etienne du Mont. Una maestria che Escaich, grande appassionato di cinema, ha dimostrato anche improvvisando, al pianoforte come all’organo, il commento musicale per celebri pellicole mute come Le fantome de l’Opéra e Metropolis. Non a caso, i momenti di maggior fascino della serata saranno offerti da un Preludio e Fuga e da un’Improvvisazione che Escaich imbastirà sul momento, basandosi su temi, scritti in notazione musicale, che il pubblico gli presenterà la sera stessa. Sarà l’occasione unica per gli spettatori di ascoltare le melodie più amate nelle fantasiose rivisitazioni di questo grande interprete. E proprio col nome di un noto improvvisatore di fine Ottocento, Charles Tournemire (Improvvisation sur le Te Deum), si aprirà la serata, che poi proseguirà con Franck (il Choral n.2, capolavoro della letteratura organistica romantica), Messiaen (i misteriosi, metafisici Alléluias sereins da L’Ascension), Dupré (il virtuosistico Prélude et Fugue), in un vero e proprio crescendo che documenterà quell’estro, quell’energia e quel virtuosismo che hanno reso Escaich celebre in tutto il mondo.

Per ulteriori informazioni: ofloscolende@operaduomo.firenze.itwww.operaduomo.firenze.it