Home > Webzine > ''Novecento di questi giorni'': un concerto per il primo anno del Museo Novecento
giovedì 05 dicembre 2019

''Novecento di questi giorni'': un concerto per il primo anno del Museo Novecento

24-06-2015
Era il 24 giugno 2014 quando a Firenze venne inaugurato il Museo Novecento che, in poco tempo, è riuscito ad imporsi come nuovo polo culturale fiorentino: oggi, per festeggiare questo importante traguardo, il Museo proporrà un concerto dal benaugurale titolo "Novecento di questi giorni" con cui spegnerà la sua prima candelina insieme all'intera città.

Per l'occasione, infatti, la sede fiorentina di A.Gi.Mus presenterà il giovane Quartetto d’archi TAAG, vincitore del I premio assoluto e del Premio Speciale Piero Farulli al VI concorso internazionale Premio Crescendo Città di Firenze.
Nel corso della serata verranno eseguite le musiche di F. J. Haydn, Anton Webern e D. Shostakovich.
Il concerto avrà inizio alle ore 19.00 e sarà un’anteprima del Festival MM900 Musica al Museo Novecento, che si svolgerà in ottobre nel programma dell'Estate fiorentina 2015. 

Il Museo Novecento ha molto di cui festeggiare: nel corso del suo primo anno di attività, infatti, ha registrato oltre 80mila visitatori e organizzato numerose attività capaci di coinvolgere il pubblico e l'intera cittadinanza. Da ottobre ad oggi il Museo ha ospitato cicli di incontri e conferenze che continueranno a svolgersi settimanalmente per approfondire il Novecento in ogni sua forma espressiva, dalle arti figurative alla danza, dal teatro alla musica, dall’architettura al design, in collaborazione con critici, studiosi e professionisti, e le più importanti realtà cittadine tra cui, non da ultimo, il Maggio Musicale Fiorentino. Il Museo Novecento si è rivelato inoltre uno spazio ideale per tutti, come testimoniato dal successo delle attività per le famiglie e i bambini, dalle performance e dagli eventi organizzati in occasione delle manifestazioni che hanno coinvolto tutta la città, come la Notte Bianca e il Festival dei bambini.

L'ingresso al concerto è libero fino ad esaurimento posti.
Per maggiori informazioni: www.museonovecento.it

AT