Home > Webzine > ''Artisti dal mondo a Firenze per EXPO 2015: Quando l'Arte unisce i Popoli'' all'ICLAB
mercoledì 21 ottobre 2020

''Artisti dal mondo a Firenze per EXPO 2015: Quando l'Arte unisce i Popoli'' all'ICLAB

11-09-2015
"Il successo riscosso da Expo 2015 prosegue quì a Firenze con tanti artisti e tante opere che rappresentano l'arte contemporanea. Proprio attraverso l'arte in questo spazio si cerca di creare un ponte tra i popoli". Con queste parole Maria Federica Giuliani, presidente della commissione Cultura e Sport del Comune di Firenze, giovedì 10 settembre taglia il nastro della mostra che prende il titolo di "Artisti dal mondo a Firenze per EXPO 2015: Quando l'Arte unisce i Popoli". La rassegna di immagini sarà ospitata fino al 25 settembre presso la sede dell'ICLAB (Intercultural Creativity Laboratory) in viale Guidoni 103 a Firenze e potrà essere visitata gratuitamente dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 20.
Oltre 200 le opere esposte, realizzate da ben 130 artisti provenienti da 24 Paesi diversi tra questi: Albania, Argentina, Belgio, Bosnia Erzegovina, Brasile, Croazia, Francia, Giappone, Grecia, Inghilterra, Iran, Israele, Malta, Marocco, Messico, Moldavia, Perù, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Serbia, Slovacchia, Spagna, Stati Uniti.
Tradizioni, persone, colori e tecniche distanti tra loro si incontrano nella nostra Città. Non lo fanno per conquistare un premio ma per dialogare tra loro e cercare di rompere, attraverso l'uso di un linguaggio universale, quello della cultura, le barriere ideologiche che li fanno apparire così distanti. Infatti, come possiamo facilmente intuire dal titolo, l'obiettivo di questi giovani artigiani è proprio quello di creare un ponte che riesca a unire tra loro i popoli per dar vita a un'ideale comunità che faccia della diversità il suo punto di forza, quel valore aggiunto necessario per guardare al futuro con speranza.
Per raggiungere questo nobile obiettivo ben 130 artisti sono arrivati a Firenze in compagnia dei loro "strumenti del mestiere", le opere, che riflettono le loro idee, passioni ed i loro punti di vista. Non esiste un tema unico che le leghi le une alle altre e pertanto il comitato organizzativo ha cercato d'individuare i possibili elementi di contatto suddividendole per aree tematiche come il realismo figurativo, che racchiude in sé, le nature morte e i ritratti, il movimento oppure la poetica del linguaggio. Quadri, fotografie e sculture, realizzate con tecniche diverse si susseguono, una accanto all'altra, e come voci di un unico coro, su dei pannelli di colore verde, si uniscono per lanciare il proprio messaggio. Il risultato è un canto melodioso capace di coinvolgere lo spettatore e trascinarlo all'interno di un nuova Città in cui i colori e i tratti somatici si annullano. Ma il percorso inizia da un'istallazione nata per rendere omaggio al Made in Italy; scatole sovrapposte le une alle altre costruiscono nello spazio una figura che ricorda la Torre di Pisa, uno dei monumenti che rappresenta la Nostra Regione in tutto il Mondo. L'artista con questa ha voluto rappresentare il presente, la precarietà di un Paese che, attanagliato dalla crisi economica, riesce a non perdere l'equilibrio solo grazie alle sue solide radici culturali.
"Artisti dal mondo a Firenze per EXPO 2015" non è solo una mostra, ma un momento d'incontro e di discussione che si apre a tutti i linguaggi, dalla poesia alla musica, dai libri alla cucina. Nei quindici giorni dell'evento infatti sono in programma moltissime attività che vedono protagonisti chef, autori e attori. Tra gli ospiti attesi citiamo: Andrea Aterini, Bianca Maria Gaddini Pagliai, Maria Grazia Maramotti, Giancarlo Bianchi, Roberto Mosi, Caterina Trombetti, Franca Frittelli, Michele Dattolo, Roberta Degl'Innocenti, Anna Bigagli, Claudia Piccinno e Antonio Sabatino.
La manifestazione, organizzata dall'Associazione Toscana Cultura, con il patrocinio della Regione Toscana, Comune di Firenze, Cna, Confartigianato, Confesercenti, Rotary Club Firenze Amerigo Vespucci e Accademia delle Arti del Disegno Expo 2015, è un vero proprio caleidoscopio capace di "raccontare" al visitatore i fermenti dell'arte contemporanea sotto le più diverse latitudini.

Per maggiori informazioni: www.iclab.info 

Martina Viviani