Home > Webzine > San Salvi: la rinascita parte da un nuovo albero e un'istallazione
mercoledì 28 ottobre 2020

San Salvi: la rinascita parte da un nuovo albero e un'istallazione

22-09-2015
Sabato 19 settembre si è chiusa la 17esima edizione di Estate a San Salvi, la rassegna dei Chille de la Balanza che per oltre tre mesi ha colorato l'ex manicomio con teatro, musica, danza e arti visive. Un successo che non è stato sconfitto neppure dalla terribile tromba d'aria che il 1 agosto lo ha colpito distruggendo oltre 60 alberi secolari: cedri del libano e soprattutto pini. Immediata la solidarietà ai Chille per la parziale distruzione del palco e di alcune attrezzature, aiuto che ha consentito alla compagnia teatrale di rimettere tutto a posto in pochi giorni e di ripartire e portare a compimento l'intero festival estivo.
La festa di chiusura a tema "Tetti rossi apP", curata da Libera Repubblica delle Arti e delle Culture ha dato vita a moltissime performances artistiche; su tutte almeno due vanno assolutamente segnalate. Innanzi tutto, l'impianto di un bell'albero di tiglio, vicino ai resti di quello che un tempo fu il pino di San Salvi, donato da Anne Hunter in memoria del marito, lo storyteller Andy Hunter grande amico dei Chille e di San Salvi. E poi I tetti rossi, installazione di Sissi Abbondanza e Edoardo Malagigi, i due artisti con la complicità degli spettatori hanno costruito un grande tetto proprio recuperando le tegole trovate nel parco.

Per informazioni: www.chille.it  

M.V.