Home > Webzine > ''Ci scusiamo per il disagio'', la compagnia Gli Omini al Teatro Cantiere Florida
giovedì 14 novembre 2019

''Ci scusiamo per il disagio'', la compagnia Gli Omini al Teatro Cantiere Florida

18-12-2015
Venerdì 18 dicembre 2015, alle ore 21.00, al Teatro Cantiere Florida di Firenze (via Pisana, 111r) sarà in scena lo spettacolo "Ci scusiamo per il disagio" a cura della compagnia Gli Omini.
La Ferrovia transappenninica Porrettana, che unisce Pistoia a Bologna, ha avuto fin dalla sua nascita, nel 1864, una storia travagliata, di idee grandiose, sogni, sacrifici, difficoltà enormi, perdite, costruzioni straordinarie. Dopo un periodo di chiusura della linea, alla fine del 2014 il treno ha ripreso il suo cammino e la Ferrovia ha festeggiato i suoi 150 anni. Attorno alla Porrettana è nato quindi un percorso di rilancio della sua identità che passa attraverso il recupero della memoria, la cultura dei territori e l'esperienza dell'oggi: un percorso in cui anche il teatro fa la sua parte e scende in campo con il PROGETTO T., la nuova sfida produttiva che vede protagonista l'Associazione Teatrale Pistoiese-Centro di Produzione Teatrale per il triennio 2015/2017 assieme a Gli Omini (Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia Zacchini e Luca Zacchini). La strada per ridare identità a questa grande opera d’arte è ancora lunga. La missione è riportarla in vita, documentarla, trasporla in qualcos’altro, far rinascere gli spazi e popolarli di gente e attività. In questo contesto si inserisce il PROGETTO T. È partito dalla Stazione di Pistoia, sale in Treno. Arriverà a Porretta Terme. Offrirà ascolto, raccoglierà immagini, confessioni, volti e racconti, e restituirà spettacoli. Indagini e interviste territoriali, alla ricerca di storie e personaggi. Performance, installazioni che siano lo specchio di questo territorio per un Teatro che nasce dalla realtà e dalle persone vere. Eventi su una delle linee ferroviarie più antiche d'Italia e nei suoi luoghi abbandonati. Tre anni per trasformare un vagone in Teatro viaggiante, uno spazio culturale mobile. Le storie intercettate, i ricordi, le emozioni, le voci, le grida, i segreti, tutto quello che Gli Omini hanno visto e sentito alla Stazione di Pistoia, in oltre un mese di indagini ed interviste (secondo il loro caratteristico metodo di lavoro 'etnografico' sul campo) prende forma in Ci scusiamo per il disagio: un concentrato di umanità in movimento, una spremuta di personaggi e di parole, il ritratto di un non luogo fatto di regole diverse, che vede passare ogni giorno uomini e donne di ogni tipo. E in questo andirivieni su binari morti, particolare attenzione avranno i viaggiatori della Porrettana, trattati come delle rarità, dei preziosi reperti. Uno sguardo al passato che renderà storia quegli attimi di presente altrimenti dimenticati.

Gli Omini sono una compagnia teatrale nata nel 2006 con il primo obiettivo di avvicinare le persone al teatro e di far nascere il teatro dalle persone. Da questo prende forma il progetto Memoria del Tempo Presente, che prevede la costruzione degli spettacoli tramite settimane d'indagine territoriale e interviste, creando eventi unici, che debuttano e muoiono a ogni data. Primo spettacolo di Memoria del tempo presente è "CRisiKo!", finalista del premio Scenario 2007, che assume una forma fissa dopo un anno di indagini su piccoli comuni d'Italia. Nel 2008 Gli Omini debuttano con "Gabbato Lo Santo", secondo spettacolo del progetto, vincitore del Premio del Pubblico al concorso Giovani Realtà dell'Accademia Nico Pepe. Nel 2009 vengono allestiti "Gabbato Lo Sound", versione rock & roll di "Gabbato lo Santo" realizzata col gruppo Il Maniscalco Maldestro, coprodotto da Volterra Teatro, e "7Novembre2008-un disarmante spettacolo pacchiano". Sempre nel 2009 per la prima volta debutta TAPPA, terzo spettacolo del progetto Memoria del Tempo Presente, coprodotto dal Kilowatt Festival in collaborazione con Armunia e l’Arboreo di Mondaino, che continua a debuttare, girando ancora l'Italia e cambiando totalmente ad ogni replica. A fine 2011 il gruppo stroppia, apre la Casamatta e la Casamatta apre il gruppo. Casamatta è un progetto teso a proteggere le individualità di ogni singolo componente per accrescere il lavoro del collettivo. E intanto la formazione cambia, dal gruppo esce Riccardo Goretti. Gli Omini rimangono in tre e poco dopo entra Giulia Zacchini. Da Casamatta escono tre spettacoli "L'Asta del Santo", "L'uovo e il pelo" e "Io non sono lei". Da questa famiglia allargata nasce nel 2014 "La famiglia Campione", spettacolo prodotto in collaborazione con Fondazione Teatro della Pergola e il sostegno della Regione Toscana. Sempre nel 2014, Gli Omini diventano compagnia residente all'Associazione Teatrale Pistoiese e ricevono il Premio Enriquez come "Compagnia d'innovazione" per la ricerca drammaturgica e l'impegno civile. A fine 2014 Gli Omini iniziano a lavorare al PROGETTO T. progetto triennale prodotto dall'Associazione Teatrale Pistoiese, che punta al rilancio della Ferrovia Porrettana.

Per ulteriori informazioni: www.teatroflorida.it