Home > Webzine > ''Homo Viator'': ciclo di incontri a cura di Aldo Pasquali alla Biblioteca Villa Bandini.
martedì 31 marzo 2020

''Homo Viator'': ciclo di incontri a cura di Aldo Pasquali alla Biblioteca Villa Bandini.

18-01-2016
Lunedì 18 gennaio 2016, alle ore 17.00, Aldo Pasquali sarà presente presso la Biblioteca di Villa Bandini (via del Paradiso, 5) per dare avvio al primo incontro, dal titolo "Imago mundi: cosmologie antiche e medievali", di una lunga serie che occuperà tutto l'anno solare fino al prossimo dicembre 2016.

Il ciclo di incontri "Homo viator" tratta il tema del viaggiare. Oltrepassando confini e percorrendo sentieri alternativi è possibile incontrare l'Altro, conoscere nuove culture, ampliare l'orizzonte. L'esperienza diretta si trasforma in conoscenza. Da sempre è il mezzo privilegiato dai più curiosi e, nel passato, dai più facoltosi. "Da Ulisse e dall’Ebreo errante fino a don Chisciotte e ai romantici tedeschi, mille sono stati i modi di viaggiare: la ricerca del riflesso sulla terra di un ordine divino, l’erranza senza meta, la passeggiata, la marcia. Ci metteremo per strada insieme ai pellegrini medievali, andremo insieme ai romantici alla ricerca del fiore azzurro sul bordo della falesia, scenderemo in umide cripte piranesiane, seguiremo le tracce degli erborizzatori dei campi e dell’asfalto per gli angusti vicoli delle città precedenti agli sventramenti dell’età industriale, viaggeremo con gli spiriti più audaci nelle terre immaginarie di Utopia. Gli scrittori e gli artisti saranno i nostri Virgili: essi si muovono, agli antipodi o nel cuore delle città e persino all’interno di una stanza o di una prigione. E lo
fanno al loro ritmo, usando modi di trasporti molto diversi, dal pallone aerostatico al dorso d’asino: la terra è il loro palinsesto e noi cercheremo di seguirne le tracce, sulla strada e sul foglio".

Lunedì, la prima tappa di questo viaggio-ciclo sul viaggiare, Pasquali si concentrerà sullo strumento fondamentale per l'orientamento: la mappa. Cos'é? A cosa serve? In tutte le civiltà sono state utilizzate le forme più disparate per proiettare il globo terrestre sul piano. Cerchi, quadrati, rettangoli, ovali e trapezoidi hanno, spesso, reso la riproduzione del mondo un'interpretazione creativa e personale o il diretto riflesso di una visione culturale.

Per informazioni sull'intero ciclo di incontri: www.biblioteche.comune.fi.it 

Ingresso gratuito.

G.A.