Home > Webzine > “Nexus”: la ricerca scientifica ‘tende la mano’ all’uomo
venerdì 22 novembre 2019

“Nexus”: la ricerca scientifica ‘tende la mano’ all’uomo

25-01-2016
“Questo è un esempio di come l'essere umano sia in grado di collegare campi diversi quali la natura e la cultura col fine di progettare il proprio sé, un tema ormai non più fantascientifico ma basilare nell’ambito della scienza e della ricerca.” sostiene Cristina Giachi, vicesindaco di Firenze, nel suo intervento di presentazione della mostra  “Nexus. L’incontro tra macchina e umano nell’immaginario, nella tecnica e nella scienza contemporanei” , in programma dal 23 Gennaio al 15 Marzo 2016 presso il Palazzo Medici Riccardi (Via Cavour, 3) di Firenze. Un progetto sviluppato dall’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, dal Museo Galileo di Firenze e dal Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive dell’Università di Siena e finanziato dal MIUR, oltre ad essere patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.

Grazie al fascino intrinseco della biorobotica e un allestimento espositivo che parte da una ricognizione sull’immaginario attraverso riferimenti al mito, all’arte, al cinema, ai fumetti, alla cultura classica e a quella pop, la mostra mira a coinvolgere le fasce più giovani, ma anche gli studenti universitari e il pubblico generale.
Mostrando i percorsi paralleli della scienza e dell’immaginario, dai miti dell’antichità fino ai nostri giorni, invitando anche alla riflessione sui cruciali interrogativi etici e politici ad essa legati,  saranno esposti importanti reperti storici, tra cui una ‘mano di ferro’ del secolo XVI proveniente dal Museo Stibbert e un pioneristico prototipo di protesi cinematica degli inizi del Novecento dalla Biblioteca Comunale “R.Fucini” di Empoli, oltre alla neuro-protesi sviluppata dall’Istituto di BioRobotica della Scuola Sant’Anna di Pisa in collaborazione con altri enti di ricerca italiani ed europei, che rappresenta una delle realizzazioni più innovative a livello mondiale. Contemporaneamente ad essa,  è previsto un ciclo di conferenze dal 28 Gennaio al 10 Marzo 2016 presso il Salone delle Feste (sede del Consiglio Regionale della Toscana) del Palazzo Bastogi (Via Cavour, 18).

Maria Chiara Carrozza, ex ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca del governo Letta ed ora ricercatrice presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, espone chiaramente lo scopo primario della manifestazione: Siamo di fronte ad una nuova ‘rivoluzione industriale’, che andrà ad intaccare tutti i campi economico-sociali, grazie al progresso tecnologico, a tal punto che molte mansioni o compiti di varia natura in futuro saranno effettuati da sistemi robotici. Proprio per questo, dobbiamo essere in grado di allevare attori e produttori in questo campo e non semplici consumatori, dimostrando agli studenti, toscani e non, l’importanza dello studio scientifico e le sue potenziali applicazioni”.

Per ulteriori informazioni: www.mostre.museogalileo.it/nexus
 
Filippo Ricciarelli