Home > Webzine > Giuseppe Albanese suona Liszt alla Feltrinelli RED
martedì 12 novembre 2019

Giuseppe Albanese suona Liszt alla Feltrinelli RED

29-02-2016
Lunedì 29 febbraio, dalle ore 18.30, i locali della Feltrinelli RED, in Piazza della Repubblica di Firenze, si accendono con un ospite speciale, Giuseppe Albanese. Il pianista reggino presenterà dal vivo "Après un lecture du Lizst" il suo nuovo album.

Il CD, come possiamo facilmente dedurre dal titolo, è dedicato a celebri brani di Liszt che hanno come comune denominatore un riferimento extra-musicale nel titolo (un paesaggio, uno stato d'animo, una storia, un poema, ecc.): da "Les jeaux d’eaux à la Villa d’Este" a "Après une lecture de Dante" per arrivare alle trascrizioni di Bellini (Norma) e Wagner (Tristano e Isotta).

Il significato di 'Dopo una lettura di Liszt' è triplice: da un lato si riferisce all'opera del compositore, scaturita a seguito di svariate letture tratte da Schiller, San Giovanni Evangelista, Miscimarra, Dante, Hugo, Goethe, Wagner, Soumet; da un altro lato al lavoro dell'interprete, avvenuto dopo aver studiato gli scritti filosofici di Liszt; infine all'insieme dei brani qui presenti che formano uno spaccato della percezione lisztiana della realtà. Nei suoi saggi di estetica musicale, Liszt esprime la sua fede incrollabile nella musica in quanto espressione squisitamente musicale di contenuti umani. Ecco perché ogni singolo pezzo di questo disco contiene in sé e nel suo titolo un riferimento extra-musicale (un paesaggio, un sentimento, un popolo, una storia, una poesia, un’architettura, ecc.). È il Liszt viaggiatore, primo concertista della storia in senso moderno e autore delle Années de Pèlerinage che viene qui proposto grazie ad un programma che, idealmente, narra un Europa da lui già vissuta come unica grande regione: Svizzera, Italia, Germania, Francia, Spagna. Con un tale Virgilio di visionaria sensibilità, è affascinante scoprire in cosa Liszt trasformi tutto ciò su cui il suo sguardo si posa: la sua lettura, appunto.

Ingresso libero.

Per info: www.lafeltrinelli.it 

M.V.