Home > Webzine > Florence Dance Festival: ''Caruso'' al Museo Nazionale del Bargello
venerdì 22 novembre 2019

Florence Dance Festival: ''Caruso'' al Museo Nazionale del Bargello

11-07-2016

"Caruso" è la nuova creazione del coreografo italo-africano Mvula Sungani, che debutterà in anteprima nazionale lunedì 11 luglio, alle ore 21.30, al Museo Nazionale del Bargello per il Florence Dance Festival, per poi proseguire con altre due anteprime italiane a Sorrento ed Ostia Antica, mentre le due anteprime internazionali saranno a New York e Tirana.
La piece vuole essere un omaggio all’Italia e a due artisti che negli ultimi secoli l’hanno resa grande nel mondo: Enrico Caruso e Lucio Dalla.
In un momento storico complesso, in cui è difficile riconoscersi veramente in qualcosa, l’autore-italo africano ha voluto porre l’accento su un suo pensiero: “per costruire un futuro solido è fondamentale conoscere a fondo il proprio passato…” L’étoile Emanuela Bianchini ed i solisti della Mvula Sungani Physical Dance renderanno tridimensionali arie di opere, canzoni e musiche che narrano storie italiane. I costumi le luci e le scene sono realizzate da MSPD Studios.
Questa nuova opera coreografica è ispirata al testo della splendida lirica scritta da Lucio Dalla: Caruso.
I rapporti, l’esistenza, la nostalgia dell’emigrante, la terra amata, elementi trainanti per uno spettacolo denso di significati e carico di emozioni che partono ed arrivano ad un unico sentimento: l’amore.
Sorrento, i ricordi, il bel canto, sono gli ingredienti di un testo cantautorale che diventa drammaturgia coreografica e che per quadri compone una storia contemporanea italiana.
Traendo spunto da Caruso e Dalla, e dalla linea lirico/pop/etnica, la pièce vuole essere un omaggio a tutto ciò che rende grande il nostro paese nel mondo, la magia dei luoghi, la tradizione e la musica raccontati nei testi e nei libretti di canzoni o arie celebri.
Un percorso narrativo contemporaneo che si compone e si scompone, che da astratto diventa descrittivo e che si muove sul filo dell’emotività, è frutto di un viaggio autobiografico nel vissuto e nelle esperienze di Sungani, autore contemporaneo che ama contaminare e fondere i generi partendo dalla tradizione popolare.
La physical dance, tecnica di danza contemporanea ormai riconosciuta a livello internazionale, darà corpo e poesia ad un’opera coreografica che baserà la propria struttura sull’alternanza di quadri evocativi con quadri moderni. Alle nuove creazioni sono unite alcune coreografie in tema tratte dal repertorio della compagnia.

Info: www.florencedancefestival.org