Home > Webzine > Jiri Lecian in concerto ai Mercoledì Musicali all'Auditorium FCRF
sabato 06 giugno 2020

Jiri Lecian in concerto ai Mercoledì Musicali all'Auditorium FCRF

26-10-2016
E’ un programma incentrato sul barocco e sulle sue molteplici sfumature quello che l’organista Jiri Lecian presenta mercoledì 26 ottobre all’Auditorium di via Folco Portinari (ore 21.00) nell’ambito dei Mercoledì Musicali della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Titolare della cattedra di Organo e composizione organistica presso il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, Jiri Lecian è originario della Moravia. Dopo gli studi al Conservatorio  Superiore  di  Praga si è perfezionato con i maggiori organisti italiani del Novecento, tra cui Fernando Germani e Ferruccio Vignanelli. Da qui la predilezione per compositori italiani, in particolare autori e opere poco conosciuti.

Apre la serata un caposaldo del barocco spagnolo, quella “Batalla Imperial” che Juan Cabanilles compose ispirandosi alla Battaglia di Pavia, in omaggio all’imperatore Carlo V. Quindi Venezia, con il “Concerto Grosso in sol maggiore” di Antonio Vivaldi e la scuola napoletana, ben rappresentata da quattro Sonate di Domenico Cimarosa. Non manca un salto nel repertorio novecentesco, con la “Toccata su Salve Regina” – dal Trittico Mariano - del cardinale/compositore fiorentino Domenico Bartolucci.

Perfetto quindi il connubio con l’organo Tamburini progettato da Clemente Terni, strumento che unisce elementi tecnici italiani e iberici.

L’ingresso al concerto prevede un biglietto “simbolico” di 5 euro (consigliata la prenotazione al numero 055.538.4001 o via mail a ricevimento@entecarifirenze.it , dal lunedì al venerdì in orario d’ufficio). Il ricavato è devoluto alla sezione fiorentina dell’AIL - Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma Onlus.  

Tutte le informazioni sui Mercoledì Musicali della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze sono disponibili sul sito www.fondazionecrfirenze.it

I Mercoledì Musicali sono organizzati dalla stessa fondazione, direzione artistica a cura di Giuseppe Lanzetta.