Home > Webzine > Le poesie di Maurizio Cucchi a Villa Arrivabene
mercoledì 20 novembre 2019

Le poesie di Maurizio Cucchi a Villa Arrivabene

10-02-2017

"Mi godo brevi soste felici di sospensione e improvvisa adesione. Mi oriento verso un mondo più affabile e poroso". Maurizio Cucchi

Venerdì 10 Febbraio, alle ore 17.30, Villa Arrivabene (piazza Alberti, 1/A) ospita l'incontro con Maurizio Cucchi in occasione della presentazione del libro "Poesie 1963-2015", edito da Oscar Mondadori. Introduce il curatore Alberto Bertoni dell'Università di Bologna.

L'opera costituisce, come pochissime altre esperienze della poesia del Novecento, un vero e proprio Canzoniere, quasi un Romanzo, costruito a partire dall'esordio con Il Disperso, pubblicato per volontà di Vittorio Sereni. I suoi componimenti non sono tuttavia monolitici, ma alternano di fase in fase, di situazione in situazione, un carattere più oggettivo o più onirico, dialogico o psichico, un tono più lirico o narrativo, ironico o patetico. Ciò che accomuna questi versi, nell'arco di mezzo secolo di poesia e di riflessione sulla poesia, è da un lato il forte radicamento di Cucchi nella "scuola milanese" e nella sua generazione, quella dei nati all'indomani della guerra, cresciuto tra i fervori del boom economico e del '68; dall'altro il rifiuto di elevare la fisionomia anagrafica dell'Io poetico a mitologia di sé. Punto di partenza rimane sempre un robusto realismo lombardo aperto all'esplorazione dell'interiorità. Mosso contemporaneamente da forze centrifughe e centripete, questo libro – curato da Alberto Bertoni – offre il ritratto più completo di un flâneur milanese e contemporaneo, un vero classico della modernità.

Maurizio Cucchi (Milano 1945), poeta, consulente letterario, pubblicista, traduttore (da Stendhal, Lamartine, Flaubert, Villiers de l'Isle-Adam, Prévert), ha esordito in poesia con la raccoltaIl disperso (1976) alla quale hanno fatto seguito, tra le altre: Glenn (1982, premio Viareggio),Poesia della fonte (1993, premio Montale) e le recenti prove Per un secondo o un secolo (2003) e Vite pulviscolari (2009). Ha curato con Stefano Giovanardi l'antologia Poeti italiani del secondo Novecento. 1945-1995 (1996, nuova edizione 2004), pubblicando in seguito le prose di La traversata di Milano (2007) e i romanzi Il male è nelle cose (2005) e La maschera ritratto (2011).

Iniziativa a cura di Scuola di scrittura creativa Semicerchio. Rivista di poesia comparata e Comune di Firenze - Quartiere 2.

Info: http://q2.comune.fi.it/