Home > Webzine > ''(Nothing But) Flowers'' di Cristina Pancini alla Libreria Brac di Firenze
martedì 19 novembre 2019

''(Nothing But) Flowers'' di Cristina Pancini alla Libreria Brac di Firenze

21-02-2017
Martedì 21  febbraio 2017, alle ore 18.00, presso la Libreria Brac di Firenze (via de’ Vagellai, 18r) sarà presentato il libro d’artista di Cristina Pancini "(Nothing But) Flowers". Insieme all’artista ci saranno gli editori Federica Boragina, Giulia Brivio  e Maurizio Otello. "(Nothing but) Flowers" è il primo libro d'artista di Cristina Pancini, pubblicato da Boîte Editions in collaborazione con Gli Ori Editori Contemporanei. E' un diario di geografie e cronologie dilatate che si svolge tra Lipsia, Milano e la Toscana, dal 2014 a oggi.

Nel febbraio 2014, Cristina trascorre un mese a Lipsia, a casa di Natasha, una giovane donna russa: qui si confronta con lo spazio privato altrui, connotato da oggetti e memorie a lei sconosciute.
Guidata dalla curiosità, scruta gli oggetti e attribuisce loro una vita, una possibile storia. Fra le tante suggestioni nota la ricorrenza di immagini di fiori e ne è così incuriosita da iniziare a disegnarne alcuni e lasciarli a Natasha. Carota selvatica, fiordaliso selvatico, malva, camomilla, orchidea selvatica, bottone d’oro, zafferano selvatico. Il disegno incorniciato e appeso sopra al letto, in alto, vicino alla finestra è accompagnato da una lettera, lasciata sul tavolo con l’invito alla sconosciuta ospite russa a fare ciò che vuole con quel regalo.
Nei mesi seguenti, in luoghi lontani da Lipsia, in attesa di una risposta, rivelatasi poi reticente da parte di Natasha, Cristina continua a disegnare fiori.
Il libro raccoglie le tracce di questa storia, l’intreccio di luoghi, di identità e di culture diverse avveratesi nella fortuita presenza di un fiore.

(Nothing But) Flowers non è solo un libro d’artista bensì un progetto culturale che, accanto al primario obbiettivo di esprimere la ricerca artistica di Cristina Pancini, si è relazionato al sistema dell’arte contemporanea e a quello dell’editoria attraverso la sperimentazione di una strategia comunicativa e di finanziamento innovativa.
A copertura del costo di produzione del libro, Boite Editions ha lanciato una campagna di crowdfunding, chiamata Blooming, che ha avuto la durata della primavera 2016 e ha metaforicamente condotto alla “fioritura” del libro: durante questo periodo, infatti, è stato possibile pre-acquistare le copie del libro, numerate e firmate dall’artista, accompagnate da un disegno, in copia unica, in cui è rappresentato un fiore scelto dall’acquirente.
Tale forma di finanziamento si è rivelata molto di più che una strumentale richiesta di denaro in quanto ha instaurato un rapporto esclusivo fra l’artista e l’acquirente il quale è stato invitato a raccontare la motivazione della scelta, diventando, in parte, co-autore del libro d’artista e creando una grande narrazione che accompagna e completa a personale vicenda di Cristina.

Cristina Pancini  nata nel 1977 ad Arezzo, vive e lavora tra Arezzo e Milano.
Laureata nel 2003 in Scienze per la Conservazione dei Beni Culturali, frequenta l’Ecole Nationale Supérieure d’Art di Bourges. Si diploma poi nel 2008 presso il dipartimento di pittura dell’Accademia di Belle Arti di Firenze.
Lavora con la pittura, l’installazione e la performance. Seconda classificata al Premio Celeste 2009 e finalista al Premio Combat 2012, nello stesso anno è stata Selezionata per il Viewing program, The Drawing Center, NYC. Nel 2013 è vincitrice dei premi Teatri di Vetro 7 e Fondazione VOLUME!, Roma. All’attività artistica affianca l’attività didattica.

Per informazioni: www.libreriabrac.net