Home > Webzine > ''I Califone'' in concerto in Sala Vanni per celebrare l'anniversario di Roomsound
giovedì 22 ottobre 2020

''I Califone'' in concerto in Sala Vanni per celebrare l'anniversario di Roomsound

31-05-2017
Mercoledì 31 Maggio, alle ore 21.15, la Sala Vanni (piazza del Carmine, 14) ospiterà in occasione di Glorytellers, la serata live a cura del Musicus Concentus, il concerto di "I Califone".

A distanza di 15 anni da Roomsound, un album di riferimento per i cultori della scena rock sperimentale americana, i Califone arrivano in Sala Vanni per un appuntamento imperdibile. La band di Tim Rutili e degli storici compagni Ben Massarella, Brian Deck (Red Red Meat) e Michael Krassne (Lofty Pillars, Boxhead Ensemble), unitisi ai giovani Wally Boudway e Ross Andrews dei Wooden Indian Burial Ground, si è ritrovata per celebrare anniversario e reissue di Roomsound, epico disco datato 2001.

Dopo una serie di riuscitissime date nordamericane, grazie anche alla ristampa del disco, versione deluxe, voluta dalla Dead Oceans (casa, tra i tanti, di The Tallest Man on Earth, Phosphorescent, Riley Walker, Bill Fay) i Califone approdano a Firenze con quello che si può definire un album seminale, che è stato in grado di tracciare una linea e anticipare tendenze, lontano dai riflettori ma ben presente nella testa e nel cuore di addetti ai lavori, musicisti e appassionati.

Di questa cifra estetica Califone sono indiscussi maestri e gli innumerevoli tentativi di imitazione tali sono rimasti. Slide polverose e schegge elettriche, elettronica in bassa fedeltà e tastiere analogiche, suoni trovati e percussioni autocostruite, ripiegamenti acustici alternati a impennate rabbiose, vocalità dolente eppure a suo modo corale sono il marchio di fabbrica di quel disco (e dei suoi successori, altrettanto belli.

Le attività del Musicus Concentus sono realizzate con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Toscana, del Comune di Firenze e dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Info: www.musicusconcentus.com