Home > Webzine > ''Le coppie più famose del mondo'', le digisculture di Andrea Tirinnanzi alla Firenzeart Gallery
lunedì 18 novembre 2019

''Le coppie più famose del mondo'', le digisculture di Andrea Tirinnanzi alla Firenzeart Gallery

10-08-2017

"Le coppie più famose del mondo" questo il titolo della mostra di digisculture di Andrea Tirinnanzi che si tiene alla Firenzeart Gallery (Via della Fonderia, 42r), a porte chiuse, 24 ore su 24 fino al 28 agosto e visitabile personalmente fino al 15 settembre.
In esposizione le coppie che hanno segnato un’epoca: la coppia delle stelle del cinema d’oltreoceano Tom Ewell e Merylin Monroe; la coppia della musica nostrana Al Bano e Romina; il duo “acqua e sale” Mina e Celentano; le  autorità con il  Presidente Giani e Papa Bergoglio; protagonisti dello sport sono il grande Antonio e Paolo Bettini; la coppia dell’arte è rappresentata da Sgarbi e Borghini; lo spettacolo prende vita con il duo Panariello “Naomo” e Pieraccioni, nonché la coppia cabaret di Kagliostro e Paci sul suo Cagiva; il cinema italiano si realizza con la coppia Sophia Loren e Roberto Benigni e come non dimenticare la coppia dell’aldilà Chaplin e Gassmann; attesi dai fan Marco Masini e Bob Dylan, che nonostante i numerosi impegni dovrebbero fare il loro ingresso in galleria dopo ferragosto.

Numerose anche le digisculture di Tirinnanzi che arricchiscono la città, a cominciare da Bartali, Coppi e Nencini, esposti al Museo del Ciclismo Gino Bartali, per finire al Vigile-Alberto Sordi presso la Pasticceria Saida, e come non dimenticare  Steven Tyler e Slash al Virgin Rock Pub. Numerose anche le digisculture su commissione, per regali o arredo di interni o il noleggio delle stesse per eventi o allestimenti particolari.

Si tratta di sagome bifacciali in legno e sono esposti in galleria nella suggestiva cornice delle opere dei Maestri del ’900, da Antonio Bueno a Vinicio Berti, Giampaolo Talani e Luca Alinari, da Rodolfo Marma a Sergio Scatizzi, Beppe Serafini e Lido Bettarini, da Renato Natali e Lomi a Gino Romiti.

Info: www.firenzeart.it