Home > Webzine > Leggere per non dimenticare: ''Amori sospesi'' di Alberto Asor Rosa alla Biblioteca delle Oblate
lunedì 18 novembre 2019

Leggere per non dimenticare: ''Amori sospesi'' di Alberto Asor Rosa alla Biblioteca delle Oblate

11-10-2017

Mercoledì 11 ottobre 2017, alle ore 17.30, alla Biblioteca delle Oblate di Firenze (via dell'Oriuolo, 26) per la rassegna "Leggere per non dimenticare" è in programma la presentazione del libro "Amori sospesi" di Alberto Asor Rosa (Einaudi, 2017). Presentatori: Simonetta Fiori e Sergio Givone.

“Amori sospesi”, che promettono e non mantengono, raccontati con un’eleganza corretta, puntuale e diffusa nelle descrizioni ambientali, sorvegliata nello stile, attenta sempre a non eccedere, a non lasciarsi trasportare dalle emozioni.

Il desiderio e il tramonto del corpo sembrano contrapporsi e invece si rispecchiano e si accendono, nel ricordo e nella vitalità, nello struggimento e nella fantasia, nelle parole inesauste di una narrazione ininterrotta. Ed è di questo che parlano, sornioni e malinconici, irriverenti e divertiti, i dieci racconti di cui è fatto questo libro. C'è un addio iniziale, breve e lancinante come tutte le prime volte. Un bambino spaurito che lascia la mano della mamma il primo giorno di scuola. C'è un addio finale, lento e lancinante come tutte le ultime volte: un uomo che esce piano dalla sua lunga vita coniugale e familiare, per tornare gradualmente, irreversibilmente, nei territori dell'infanzia. E c'è un ultimo addio, lancinante e basta. Ma dolcissimo, perduto nell'estasi. Tra l'uno e l'altro, di racconto in racconto, il desiderio e i suoi fallimenti fanno emergere nei protagonisti il loro più profondo modo d'essere; e la fine, quando arriva, soffice o drammatica che sia, è la conseguenza inevitabile, dolce e amara, di quella scoperta. Insomma, un'ininterrotta sequenza di inizi e di finali, cosí come è fatta la vita: ogni racconto una storia d'amore e di passione, palpiti, struggimenti, felicità del corpo e malinconia. Si legge come un romanzo di formazione erotica e sentimentale, questa raccolta in cui Alberto Asor Rosa, con ironia sottile e sguardo emozionato e disincantato insieme, dà la sua più magistrale prova stilistica.

Alberto Asor Rosa ha insegnato per molti anni Letteratura italiana all'Università La Sapienza di Roma, di cui attualmente è professore emerito. Ha diretto la Letteratura italiana Einaudi nelle sue varie forme ed estensioni. Ha pubblicato Scrittori e popolo, Genus italicum, Stile Calvino, Storia europea della letteratura italiana, un volume di aforismi esistenziali, L'ultimo paradosso. Fra i suoi volumi di saggistica politica, Le due società. Ipotesi sulla crisi italiana e La guerra. Sulle forme attuali della convivenza umana. Ha inoltre pubblicato, a cura di Simonetta Fiori, Il grande silenzio. Intervista sugli intellettuali. Tre i suoi precedenti libri di narrativa: L'alba di un mondo nuovo, Storie di animali e altri viventi e Assunta e Alessandro. Nel 2013 ha pubblicato Racconti dell'errore e Breve storia della letteratura italiana (in due volumi).

Per ulteriori informazioni: www.leggerepernondimenticare.it