Home > Webzine > Leggere per non dimenticare: ''Gli occhiali del sentimento'' di Sabina Fedeli alle Oblate
martedì 31 marzo 2020

Leggere per non dimenticare: ''Gli occhiali del sentimento'' di Sabina Fedeli alle Oblate

25-01-2018
Per la rassegna Leggere per non dimenticare, in occasione del Giorno della Memoria, Giovedì 25 gennaio 2018, alle ore 17.30, la Biblioteca delle Oblate ospita la presentazione del libro "Gli occhiali del sentimento. Ida Bonfiglioli: un secolo di storia della memoria di un'ebrea ferrarese" di Sabina Fedeli (La Giuntina, 2017).
Presenta: Daniel Vogelmann.

In un racconto intervista, la protagonista, ripercorre le sue vicende personali narrando un secolo di storia italiana e lo fa infilando gli occhiali, nelle cui stanghette è celato il suo apparecchio acustico, gli occhiali del ‘sentimento’, come li chiama, giocando sul doppio senso fra udito e cuore.

Ida Bonfiglioli, ebrea antifascista ferrarese, a novantanove anni festeggia la visita del nipote con un gesto guascone: una gita a tutta velocità sulla sua spider. Ha ancora lo stesso spirito anticonformista e battagliero della gioventù quando il 21 settembre 1941 corre al tempio israelitico della sua città per fotografare lo scempio operato dai fascisti che distruggono arredi e oggetti sacri. Suo marito è già stato mandato al confino per la sua opposizione al regime e i due figli cacciati dalla scuola. In un racconto-intervista, la protagonista, ripercorrendo le vicende drammatiche della sua famiglia, narra un secolo di storia italiana, dal padre irredentista che si lascia morire a Vienna pur di non combattere per l’Austria, alle leggi razziali, alla strage della lunga notte del ’43 e alla fuga in Svizzera durante la quale la madre viene catturata dalle SS. E lo fa infilando gli occhiali nelle cui stanghette è celato l’apparecchio acustico, gli “occhiali del sentimento” come li chiama, giocando sul doppio senso fra udito e cuore. Ne emerge il ritratto di una donna lucida e dalla grande umanità che sopporta lutti e dolori con un’arma formidabile: quella dell’ironia. Profonda conoscitrice della musica classica, lettrice vorace di gialli, Ida accanto al ricordo dei parenti mai più tornati dai lager descrive i giorni spensierati delle partite di tennis in casa dello zio Silvio Finzi-Magrini, alla cui figura si ispira Giorgio Bassani nel romanzo Il giardino dei Finzi-Contini. E ancora rievoca la ricostruzione postbellica attraverso aneddoti e curiosità sui concerti organizzati a palazzo Bonfiglioli con grandi pianisti come Benedetti Michelangeli e Dallapiccola. Un libro che parla di passione politica e coraggio, di processi della vergogna e gesti di altruismo. E del piccolo segreto che Ida nella sua lunga vita non ha mai svelato. Nei suoi ultimi anni di vita a Ida viene tolta la pensione di benemerenza come vittima di persecuzione. Un ultimo affronto che l’amareggia ma che come sempre affronta con forza d’animo. Solo un intervento del presidente Napolitano gliela farà riassegnare qualche anno prima della morte che arriva il 28 maggio 2011, a 104 anni.

Sabina Fedeli, giornalista televisiva dal 1986. In qualità di inviato si occupa per Mediaset di eventi di cronaca nazionale e internazionale con servizi per i telegiornali del gruppo e reportages. Collabora con varie testate. Nel 2003 vince il premio Alpi per il lo speciale di approfondimento Metti a fuoco e scappa. Nel 2007 le viene assegnato il Premio Giornalistico Marco Luchetta per il servizio La casa dell’orrore. Il delitto d’onore in Palestina. Nel 2011 riceve il Premio Alpi della critica per il reportage Le perseguitate. Per Doc3 ha realizzato il documentario Io sono Yoav, storia di una delle vittime della presa d’ostaggi all’YperCacher di Parigi nel gennaio 2015.

Informazioni: www.leggerepernondimenticare.it  

SC