Home > Webzine > Terza edizione del Concorso Nazionale EneganArt rivolto agli artisti italiani
domenica 17 novembre 2019

Terza edizione del Concorso Nazionale EneganArt rivolto agli artisti italiani

31-10-2017

Un progetto di portata nazionale, giunto alla sua terza edizione, rivolto a tutti gli artisti, finalizzato a promuovere i migliori talenti del belpaese. È il concorso nazionale di Arte Attuale EneganArt che quest’anno avrà come tema e titolo della mostra 'Rinascita'. Il progetto è promosso dalla Accademia della Belle Arti in collaborazione con il Comune di Firenze e sostenuto da Enegan.
Per questa edizione la mostra verrà ospitata presso l’ex Refettorio di Santa Maria Novella di Firenze da oggi fino al 12 novembre.
Il concorso è rivolto a tutti gli artisti pittori, fotografi, scultori, ecc.. – professionisti e non – provenienti da qualsiasi paese del mondo, maggiorenni e residenti in Italia e sarà finalizzato alla promozione dell’arte contemporanea e alla valorizzazione del nostro patrimonio artistico.
Il progetto si divide in due filoni: un Concorso Nazionale di Arte Attuale e la seconda edizione della Biennale dei giovani artisti dell’Accademia di Belle arti di Firenze e Carrara. Dopo i numeri importanti delle prime due edizioni, per il 2017 si è raggiunta la cifra record di 1.200 iscritti, con altrettante opere presentate. Di queste, saranno solo 46 i soggetti esposti, 23 opere per il concorso nazionale e 23 opere per la Biennale dell’Accademia di Firenze e Carrara. Per il concorso nazionale la giuria, presieduta in questa edizione dal direttore del magazine Arte Michele Bonuomo, sceglierà le 4 opere vincitrici che si aggiudicheranno un premio in denaro, mentre tra le opere dell’Accademia ne verranno scelte 4 che otterranno una borsa di studio.
«Questo concorso – ha sottolineato la vicesindaca di Firenze Cristina Giachi – dimostra che Firenze punta sui talenti. Nella nostra città ci sono incredibili eccellenze: Università, istituti di ricerca di altissimo livello, un grande patrimonio artistico. Un elenco fin troppo lungo. È proprio per questo la città non deve rassegnarsi a vivere di rendita. Deve assolutamente rinnovarsi, sfruttando la sua tradizione e l’eredita artistica impareggiabile per affidarsi ai nuovi talenti, soprattutto se giovani. Questa che inauguriamo oggi è un’occasione per farli conoscere».

Fonte: www.comune.fi.it (Ufficio Stampa)