Home > Webzine > ''Melting Point'' di Baret Magarian alle Librerie Universitarie
giovedì 28 maggio 2020

''Melting Point'' di Baret Magarian alle Librerie Universitarie

16-03-2018

Dieci racconti che, come altrettante sostanze, arrivano in questa straordinaria raccolta a fondersi in una sola miscela, unica e plurale. Venerdì 16 Marzo, alle ore 18.00, Baret Magarian presenta "Melting Point", il suo ultimo libro con una nota di Jonathan Coe alle Librerie Universitarie (Polo delle Scienze Sociali - via delle Pandette, 14).
Introduce Elena Moncini, traduttrice. Modera Andea Ulivi, Edizioni della Meridiana.
 
Generi e trame precipitano verso un centro, come uno sciame di stelle inghiottite dall’orizzonte degli eventi: melodramma, fantascienza, confessione, enigma, qui si incontra la vita narrata in tutte le sue forme, un mercante di frutta (piuttosto stupido) rivela lampi di genio; una donna, che in un indimenticabile notturno greco, smette le vesti del giorno per svelare la sua verità a una verdeggiante veste d’acqua; un corriere che deve spedire un pacchetto che diventa “vivo” durante il suo viaggio impossibile. Il reale si fonde e sprofonda nel sogno, che poi – come disse qualcuno – è proprio la mistura di cui siamo fatti: Baret Magarian lo sa, e lo sa dire, con la sua tecnica superba e la sua voce nuovissima e arcana…

Baret Magarian (Londra 1968) poliedrico lo è in tutti i sensi: inglese e armeno, scrittore apprezzato da Jonathan Coe e musicista folk caucasico, intellettuale blasé e modello di nudo, giornalista freelance per «The Times» e regista teatrale di sconclusionata avanguardia, Baret sembra costruito apposta per ricondurre a unità le mille sfaccettature dell’umano.

Info: www.librerieuniversitarie.com