Home > Webzine > ''Filosofia, Animazione & Fantascienza'' a cura del Prof. Francesco Manfredi alle Vie Nuove
venerdì 22 novembre 2019

''Filosofia, Animazione & Fantascienza'' a cura del Prof. Francesco Manfredi alle Vie Nuove

26-04-2018
Giovedì 26 aprile 2018, alle ore 17.30, al Circolo Vie Nuove di Firenze (viale Giannotti, 13) è in programma l'incontro "Filosofia, Animazione & Fantascienza" a cura del Prof. Francesco Manfredi, insegnante di Filosofia e Storia del Liceo Castelnuovo di Firenze, che cercherà di aprire una strada per una  riflessione sulla tecnica, una riflessione critica, che non perda di vista quella componente filosofica che fa di molte di queste opere l’imprescindibile continuazione della grande letteratura e del grande cinema di fantascienza occidentale. Attraverso una selezione dei titoli più rappresentativi dell’animazione fantasy e di fantascienza giapponese degli ultimi decenni (Akira, Ghost in the Shell, Neon Genesis Evangelion, nonché capolavori di H. Miyazaki quali Nausicäa e Laputa).

"Secondo Heidegger la tecnica moderna, che si presenta come strumento di liberazione e di progresso, si rivela piuttosto una potenza che incatena l’uomo a un destino di consumazione e isterilimento della terra. L’uomo dominatore – l’uomo-protesi che costruisce con il proprio ingegno gli strumenti per assomigliare a un dio, per dirla con Freud – è in realtà dominato da forze, che, una volta evocate, minacciano costantemente di distruggerlo. Ma, come recitano i celebri versi di Hölderlin ripresi da Heidegger, “là dove è il pericolo, cresce anche ciò che salva”: la minaccia tecnica trascinerà l’uomo nel baratro o lo aprirà a una nuova considerazione delle cose, improntata alla cura e alla custodia del mistero della natura?

Quale migliore prospettiva di quella dell’animazione giapponese per mettere in luce questa profonda ambivalenza della tecnica? Il variegato e sterminato mondo dell’illustrazione giapponese ha sempre riservato un posto di primo piano alle domande circa le promesse, i limiti e i pericoli della scienza e della tecnica moderne. Sospesa fra due mondi, quello antico della tradizione shintoista e quello recente, importato e impostole dall’Occidente, la cultura giapponese si è trovata, dopo la tragedia della seconda guerra mondiale, a compiere una riflessione profonda sul rapporto fra tecnica e natura che ha trovato uno sbocco originalissimo – grazie alla popolarità del fumetto e dell’illustrazione animata – nel linguaggio libero e associativo del disegno".

Per ulteriori informazioni: tel. 055.683388 vienuove@vienuove.it