Home > Webzine > Fosca in Tepidario, tre giorni di arti contemporanee al Giardino dell'Orticoltura
mercoledì 13 novembre 2019

Fosca in Tepidario, tre giorni di arti contemporanee al Giardino dell'Orticoltura

07-09-2018
Il rapporto tra uomo e natura e tra sistema e scienza è il tema protagonista dell'iniziativa "Fosca in Tepidario _ lectio | ludus | visio", in programma da venerdì 7 a domenica 9 settembre al Tepidario del Roster nel Giardino dell'Orticoltura di Firenze (Via Vittorio Emanuele II, 4 / Via Bolognese, 179).

La quarta edizione ha come titolo "Sistemi Complessi". Danzatori, performer, musicisti e attori si alterneranno all'interno del giardino ottocentesco per restituire, come nelle precedenti edizioni, uno spaccato delle arti contemporanee, che indaga sul rapporto tra arte e principi scientifici. Il festival è organizzato dall'associazione culturale Fosca, in collaborazione con il Vivaio del Malcantone, realtà da sempre vicine per gli intenti di promozione e diffusione delle arti dal vivo sul territorio fiorentino.

La programmazione è articolata secondo le tre consuete sezioni del festival: lectio_lezioni e incontri pubblici, ludus_ laboratori e workshop, visio_ performance e spettacoli dal vivo.

Si inizia venedì 7 settemre, alle ore 16.00, con l'inaugurazione di "Fresche Frasche" a cura di DEM, un workshop di autocostruzione con materiale vegetale in programma anche nelle giornate successive. Grazie all'utilizzo di sfalci vegetali di varie piante preparati e legati tra loro, sarà possibile creare una struttura stabile e duratura di piccole/medie dimensioni, progettandola attraverso una serie di schizzi preparatori. Ossa, piume, chiocciole e altri materiali naturali verranno poi utilizzati per decorare le forme costruite, con la possibilità di trasformarle in sonagli a vento da appendere. La serata continua, alle ore 21.00, con "Demolition Poetry", la performance musicale di Ornette, cantante franco-italiana, compositrice, editrice musicale, produttrice e appassionata di free jazz e hip hop con sede a Parigi. Ha lavorato come pianista per Alain Bashung e attrice per Jacques Rivette prima che la sua voce invadesse il nostro iPod con Crazy remixato da Nôze, o Sur le Sable in duo con il rapper americano, Mike Ladd.

Sabato 8 settembre nuovo appuntamento, alle ore 10.00, col workshop "Fresche Frasche". Si prosegue alle ore 18.00 con la lectio "Uomo/cane nella società moderna: un sistema complesso in costante evoluzione", tenuta da David Morettini, educatore ed istruttore cinofilo Siua, conduttore di cani in progetti di Pet therapy. Laureato in filosofia teoretica presso l'Universita degli studi di Firenze con una tesi intorno al tema l'uomo, la tecnologia e i sistemi ibridi come modello interpretativo della contemporaneità, dove inizia il suo percorso di approfondimento sulla relazione tra uomo/cane. Formatosi successivamente come educatore cinofilo, i suoi territori di studio ed esplorazione professionale sono stati fuori dai campi di addestramento, dalle discipline sportive cinofile o dalle mostre. Il suo lavoro si struttura partendo dall'esplorazione e l'osservazione in situazione quotidiane che coinvolgono l'uomo e il cane, come parchi, spiagge, strade di città, lavorando nella vita collettiva e di branco. Da questa esperienza totalizzante deriva la sua filosofia d'integrazione totale dell'animale nell'ecumene umana. Alle ore 21.00 è previtsa la proiezione dello spettacolo "The tragical History of the Life and Death of Doctor Faustus" con la regia di Massimo Conti e la presenza di Monica Bucciantini.

L'ultima giornata di domenica 9 settembre inizia alle ore 10.00 con l'ultima fase del workshop "Fresche Frasche"; prosegue, alle ore 15.00, con "Lo Stato dell'Arte – Sistemi Complessi, Arte/Scienza", l'incontro pubblico coordinato da Giulio Sonno e, alle ore 20.00, con "MDF (sincronizzarsi)", la performance di Ramona Caia. Per concludere il festival, alle ore 20.15, l'ultima performance dal titolo "Appunti" di Agnese Lanza: partendo da una coreografia elaborata in passato, un breve momento per provare a ripercorrerla dal vivo senza nessun precedente ripasso e vedere cose ne è rimasto nella mia memoria, mettendo così alla luce le incertezze, i dubbi e i brevi momenti di sicurezza.

Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito.

Per ulteriori informazioni: www.fosca.net 

RC