Città di Firenze
Home > Webzine > I Concerti al Cenacolo: musica antica nell'area metropolitana fiorentina
mercoledì 24 luglio 2024

I Concerti al Cenacolo: musica antica nell'area metropolitana fiorentina

21-10-2018

Un programma ricco di appuntamenti e serate all'insegna della musica antica: dal 21 Ottobre fino al 9 Dicembre 2018 riparte "I Concerti al Cenacolo", la più longeva rassegna annuale di musica antica in Toscana che l'Associazione L'Homme Armé porta avanti dal 1994.

L'edizione 2018 propone concerti all'interno di luoghi colmi di storia e tradizione: i primi due appuntamenti del 21 ottobre  del 10 novembre si svolgono all'interno della suggestiva sala del Cenacolo di Andrea del Sarto nel Museo di San Salvi (Via di San Salvi 16), mentre gli ultimi due, seguendo la nuova via inaugurata con l'edizione 2017, si spostano in luoghi artisticamente significativi dell'area metropolitana. Uno, sabato 8 dicembre, alla Chiesa di Santa Maria di Primerana che sovrasta Piazza Mino a Fiesole, l'altro, domenica 9 dicembre, nella pieve romanica dei Santi Pietro e Paolo a Cascia (Reggello), il cui impianto architettonico risale al XII secolo e che nel museo annesso custodisce il Trittico di San Giovenale di Masaccio.

Quest'anno i concerti previsti dalla manifestazione sono tutti nel tardo pomeriggio (alle ore 18.00 al Cenacolo di San Salvi e alle 18.30 nelle pievi di Fiesole e di Reggello).

L'Associazione L'Homme Armé, per i programmi di questa edizione de "I Concerti al Cenacolo", punta eminentemente alla musica del Seicento, con uno spazio speciale dedicato al primo Quattrocento italiano. Il concerto del 21 ottobre è dedicato a Giulio Caccini, del quale quest'anno ricorrono i 400 anni dalla morte, l'inventore delle "Nuove musiche", il cantore che ha registrato la svolta nello stile di canto del tempo. Il programma è affidato a un giovane e attento interprete di questo repertorio, Riccardo Pisani, accompagnato dall'ensemble Ricercare Antico. A una virtuosa del repertorio quale Elena Cecchi non poteva che essere affidato l'altro programma secentesco, quello del 10 novembre, dedicato a Francesca Caccini, figlia di Giulio, una delle prime stelle del firmamento vocale moderno, cantante virtuosa e compositrice al suo tempo importantissima, anche se la storia successiva le ha reso poca giustizia. Il programma, ideato e diretto da Gian
Luca Lastraioli
, vede la partecipazione di alcuni interpreti d'eccezione tra i quali il cembalista Alfonso Fedi.

Oltre alla rassegna musicale, in autunno L'Homme Armé porta avanti altre attività: sabato 3 novembre l'Ensemble si esibirà alla Chiesa dei Santi Giovanni Battista e Lorenzo a Signa sotto l'egida di "Musica in periferia" a cura dell'Opera del Duomo (con la direzione artistica di Gabriele Giacomelli), con un concerto in cui lo spirito del Seicento riecheggerà nelle musiche che si svilupparono sulle orme di Filippo Neri e del suo oratorio romano, mentre martedì 11 dicembre contribuirà, con un incontro meditativo che prenderà spunto da un brano di Dufay a "Insieme per la pace", ciclo che l'associazione "Un Tempio per la Pace" organizza dalla fine degli anni Novanta sul tema della pace e del dialogo interreligioso.

"I Concerti al Cenacolo" si è aperto già in primavera con due anteprime: il 22 aprile col programma dedicato a Francesca Caccini, in occasione della mostra "Con dolce forza". Donne nell'universo musicale del Cinque e Seicento nel bellissimo Oratorio di Santa Caterina delle Ruote a Bagno a Ripoli e l'8 luglio nella magnifica Pieve di San Romolo a Bivigliano col programma "Flos florum", in occasione dei festeggiamenti per San Romolo.

Tutti i concerti sono in luoghi che, seppur non sempre molto conosciuti e in genere fuori dalle rotte del turismo di massa, testimoniano la
lunga e complessa storia del territorio. All'interno vi sono spesso opere d'arte di pregio incastonate in architetture notevoli che, grazie anche a questi appuntamenti, potranno essere ammirate e apprezzate. Senza dimenticare che intorno a questi luoghi ci sono comunità vive alle quali questi concerti (tutti quelli nelle chiese sono a ingresso libero, mentre sono a prezzo comunque contenuto quelli al Cenacolo di San Salvi) sono rivolti, affinché si possa meglio conoscere quell'intreccio di espressioni artistiche che sono alla base della nostra
storia.

Biglietteria: per i due concerti al Cenacolo di San Salvi (21 ottobre e 10 novembre): un'ora prima dello spettacolo; biglietto intero euro 12, ridotto euro 7; informazioni e prenotazioni: tel. 055 695000 informazioni@hommearme.it. Gli altri sono a ingresso libero.

Per ulteriori informazioni: www.hommearme.it 

RC