Home > Webzine > La bellezza va in scena al TuscanyHall di Firenze
domenica 17 novembre 2019

La bellezza va in scena al TuscanyHall di Firenze

11-10-2018
Irama, Maneskin e Loredana Bertè, il musical "Musicanti" con le canzoni più belle di Pino Daniele, la storica Pfm con un live tutto nel segno di Fabrizio De Andrè e lo stesso Cristiano De Andrè con lo spettacolo dedicato all'album capolavoro "Storia di un impiegato" sono i grandi eventi che saranno protagonisti nel 2019 del nuovo TuscanyHall. Un nuovo nome, una nuova immagine e un nuovo programma per l'Obihall ex Teatro Tenda di Lungarno Aldo Moro, a Firenze. Nell'anno che verrà non mancheranno le arti circensi con Le Cirque Word, "la grande storia dell'impressionismo" svelata da Marco Goldin con musiche di Remo Anzovino, gli spettacoli di tre campioni dell'umorismo come Paolo Cevoli, Maurizio Battista e Andrea Pucci.

Dal primo gennaio 2019 si chiamerà infatti "TuscanyHall", così da sancire il legame con il marchio "Tuscany la bellezza della carta" di Cartiere Carrara, con cui è stata fissata una collaborazione di sei anni, oltre al contributo dello sponsor Banca Cambiano 1884. Si tratta di una sala polivalente, una moderna agorà ai servizi del pubblico e all'insegna della bellezza come valore da trasmettere.

A cambiare non sarà solo il nome: TuscanyHall porterà un restyling della struttura, a cominciare dai due imponenti lampadari che andranno a illuminare la sala del teatro, gli stessi utilizzati da Jovanotti nel suo ultimo tour e acquistati all'asta benefica promossa dall'artista.

"La serenità è energia che genera bellezza. Un teatro provato è una comunità di donne e uomini, come le aziende che ci sotengono". Così si esprimono sul nuovo progetto Massimo Gramigni e Claudio Bertini di Teatro Tenda Firenze, presenti all'inaugurazione della nuova stagione e del nuovo nome insieme a Massimo Carrara, Presidente di Cartiere Carrara, Paolo Regini, Presidente di Banca Cambiano 1884 e a tanti altri partner che hanno contribuito alla realizzazione delle varie novità di questo luogo, definito come crocevia geografico, ma, anche, sociale.

Per ulteriori informazioni: www.obihall.it 

RC