Home > Webzine > Conferenza "Juan Rulfo, il poeta" di Marco Antonio Campos al Circolo Vie Nuove
martedì 31 marzo 2020

Conferenza "Juan Rulfo, il poeta" di Marco Antonio Campos al Circolo Vie Nuove

27-11-2018
Martedì 27 novembre 2018, alle ore 21.00, al Circolo Vie Nuove di Firenze (viale Giannotti, 13) è in programma la conferenza “Juan Rulfo, il poeta” di Marco Antonio Campos che interviene in occasione del centenario dalla nascita di Juan Rulfo. Iniziativa a cura del Centro Studi e Iniziative America Latina, Circolo Vie Nuove, in collaborazione con Centro Studi Jorge Eielson e la gentile partecipazione dell’Ambasciata del Messico.

Saluti introduttivi di
Cosimo di Nocera, Console Onorario del Messico
Daniele Sordi, Responsabile Cultura del Circolo Vie Nuove
Presentazione a cura di Martha Canfield, Presidente del Centro Studi Jorge Eielson e docente di Storia della Letteratura Latinoamericana per conto di UniFi.

Cenni biografici del relatore:
Marco Antonio Campos (Città del Messico, 1949) è poeta, narratore, saggista e traduttore. Ha pubblicato le raccolte di poesia: Muertos y disfraces (1974), Una seña en la sepultura (1978), La ceniza en la frente (1979), Monólogos (1985), Los adioses del forastero (1996), Viernes en Jerusalén (2005) e Dime dónde, en qué país (2010). La casa editrice El Tucán de Virginia ha pubblicato nel 2007 la sua poesia completa con il titolo: El forastero en la tierra (1970-2004). È autore dei romanzi Que la carne es hierba (1982) e Hemos perdido el reino (1987), dei libri di racconti La desaparición de Fabricio Montesco (1977) e No pasará el invierno (1985), dei saggi Señales en el camino (1984), Siga las señales (1989), Los resplandores del relámpago(2000), El café literario en ciudad de México en los siglos XIX y XX (2001), Las ciudades de los desdichados (2002), Indicaciones (2014) e delle raccolte di interviste De viva voz (1986), Literatura en voz alta (1996) e El poeta en un poema (1998).
È autore del libro di cronache De paso por la tierra (1998) e del quaderno di aforismi Árboles. Ha ottenuto in Messico i premi Xavier Villaurrutia (1992) e Nezahualcóyotl (2005), il premio iberoamericano Ramón López Velarde (2010), e in Spagna il Premio Casa de América (2005) per Viernes en Jerusalén, il Premio del Tren Antonio Machado (2008) per la poesia “Aquellas cartas” e il Premio Ciudad de Melilla (2009) per Dime dónde, en qué país. Nel 2004 gli è stata conferita la Medaglia presidenziale Pablo Neruda del governo cileno. Ha tradotto Baudelaire, Rimbaud, Gide, Artaud, Roger Munier, Emile Nelligan, Gaston Miron, Gatien Lapointe, Saba, Cardarelli, Ungaretti, Quasimodo, Emilio Coco, Georg Trakl, Reiner Kunze, Carlos Drummond de Andrade, e, in collaborazione con Stefaan van den Bremt, i poeti belgi Miriam Van Hee, Roland Jooris, Luuk Gruwez, André Doms e Marc Dugardin. Suoi libri di poesia sono stati tradotti in inglese, francese, tedesco, italiano e olandese.

Info  vienuove@vienuove.it