Home > Webzine > "Immacolata Concezione" di Vuccirìa Teatro in scena a Rifredi
lunedì 18 novembre 2019

"Immacolata Concezione" di Vuccirìa Teatro in scena a Rifredi

07-03-2019
Una storia forte, intrisa di carnalità siciliana, una parabola su un microcosmo fatto di omertà, violenza e presunzione ma anche di quell’autenticità tipica della carnalità isolana. Dopo "Io mai niente con nessuno avevo fatto" e "Battuage", il giovane autore siciliano Joele Anastasi e la sua compagnia Vuccirìa Teatro proseguono nella loro rigorosa linea poetica con "Immacolata Concezione", dal 7 al 9 marzo 2019 al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303). Sul palco con Joele Anastasi, che firma anche la regia, Federica Carruba Toscano, Alessandro Lui, Enrico Sortino, Joele Anastasi, Ivano Picciallo.

Sicilia, 1940. Concetta, ragazza silenziosa e innocente, viene barattata dal padre caduto in disgrazia con una capra gravida e affidata a Donna Anna, tenutaria del bordello del paese. Lei, estranea ai piaceri della carne e a qualunque "adulta" concezione della vita, non oppone nessuna resistenza. Del resto nessuno le ha mai spiegato cosa voglia dire fare l’amore, nonostante quella parola le piaccia già. Ben presto la fama “della nuova arrivata” raggiunge tutto il paese: ma nessuno sa di preciso quali piaceri regali agli uomini per farli impazzire così tanto. Malgrado tutti millantino di mirabolanti prestazioni dentro la stanza del bordello, nessuno di loro l'ha mai toccata. Concetta è vergine. Ha il dono di “sentire” l'anima dei suoi clienti; rendendo possibile la loro fragilità nascosta. Dona loro quello che nessuno sa dargli. Concetta è sicura, crede che questo significhi fare l'amore: fare la barba o giocare a un due tre stella o offrire il petto per le lacrime del signorotto del paese. Non capisce perché il mestiere di prostituta susciti tanto scalpore. Ma come è possibile raggiungere un angolo di paradiso senza pretenderlo tutto? Ogni uomo vuole Concetta tutta per sé, come fosse un oggetto di inestimabile valore. Solo la memoria e il martirio la renderanno indelebile. Così Concetta potrà diventare santa: quando non apparterrà più neanche a se stessa ma solo alla collettività; quando la sua purezza si eleverà a coscienza; quando la sua potenza, abbandonando il corpo, si imprimerà nella memoria; quando il ricordo di lei, affidato ai tempi che verranno, continuerà a generare amore. Solo allora verrà il tempo di Immacolata Concezione.

Per ulteriori informazioni: www.toscanateatro.it