Home > Webzine > "L'altra metà della medaglia" di Riccardo Bigi all'Istituto degli Innocenti a Firenze
lunedì 18 novembre 2019

"L'altra metà della medaglia" di Riccardo Bigi all'Istituto degli Innocenti a Firenze

25-03-2019
Lunedì 25 marzo 2019, alle ore 17.30, sarà presentato il libro "L'altra metà della medaglia", edito da LEF - Libreria Editrice Fiorentina, con la partecipazione dell'autore Riccardo Bigi. La presentazione si terrà presso l'Istituto degli Innocenti (Piazza della Santissima Annunziata) in occasione dell'evento "L'umanesimo fiorentino: un umanesimo di bellezza e di amore" di Caritas - organismo pastorale dell'Arcidiocesi di Firenze.

Il primo luglio del 1875 fu chiusa, a Firenze, la finestra dell’Istituto degli Innocenti su cui, da secoli, venivano lasciati i bambini abbandonati. Da allora sarebbe cambiata la storia di questo “rifugio di miserie e colpe” nato quattro secoli prima per accogliere i figli che i genitori non potevano o non volevano tenere. La sera prima, il 30 giugno, venne lasciato un bambino a cui fu dato un nome che sottolineava questo evento: Ultimo Lasciati. Come molti dei bambini arrivati all’istituto prima di lui, aveva al collo una medaglietta spezzata: era un segno che le madri mettevano ai figli, nella speranza un giorno di poterli ritrovare.

Questo romanzo immagina la storia di Ultimo, dei suoi genitori, dei suoi discendenti. E immagina che le due metà della medaglia quella che lui aveva al collo e quella che sua madre ha tenuto con sé – possano un giorno, molti anni dopo, ricomporsi.

A fare in modo che questo possa accadere sono due ragazzi di oggi, Alessandro e Giovanna. Lui di giorno cucina primi piatti in un bar, la notte fa l’autista sulle ambulanze, e cerca una ragazza con cui mettere su casa. Giovanna frequenta la scuola di servizi sociali, indossa maglioni troppo larghi, ha una brutta storia alle spalle. Ed è convinta di non avere più il diritto di innamorarsi. A cambiare le loro vite è l’incontro con Clelia, una vecchia signora che li aiuterà a scoprire che non ci si può perdonare da soli.

Una “caccia al tesoro” attraverso i secoli che parla di bambini lasciati e accolti, di abbandono e affidamento, di vita che vuole nascere e di vita tradita. Sullo sfondo c’è Firenze, la Firenze che non comparirà mai nei selfie che i turisti ogni giorno si scattano nelle sue piazze. La Firenze che alla bellezza unisce la solidarietà, e che da secoli si prende cura delle sue creature più fragili.

Riccardo Bigi vive a Firenze, lavora come giornalista nella redazione del settimanale “Toscana Oggi”, collabora con Avvenire; ha fatto anche radio, tv, agenzie, uffici stampa. Tra le altre cose ha pubblicato “Il sindaco santo” sulla vita di Giorgio La Pira, un volume su don Lorenzo Milani e altri “Uomini di Vangelo” toscani del Novecento, un libro su Benigni e la religione (“Quando un comico parla di Dio”). È autore di testi per il teatro.

Per informazioni: www.lef.firenze.it 

AC