Home > Webzine > Sustainable Thinking: al Museo Novecento di Firenze le nuove mostre "sostenibili"
venerdì 22 novembre 2019

Sustainable Thinking: al Museo Novecento di Firenze le nuove mostre "sostenibili"

12-04-2019
Il 12 aprile il Museo Novecento di Firenze presenta quattro nuove mostre, tre delle quali si inseriscono, insieme a una rassegna video, all'interno dell'evento Sustainable Thinking organizzato dal Museo Ferragamo e dalla Fondazione Ferragamo.

È un onore far parte di questo straordinario progetto di mostre dedicate al tema della sostenibilità e organizzate dal Museo Ferragamo - spiega il direttore artistico del Museo Novecento, Sergio Risaliti -. Pensare con urgenza alle sorti future del pianeta e al domani della civiltà umana è un dovere cui il mondo dell'arte non può sottrarsi. Gli artisti ne sono coscienti da tempo. La loro sensibilità non può essere sorda alla distrutta armonia tra uomo e natura. Il Museo Novecento accoglie ben quattro progetti espositivi condivisi con Sustanaible Thinking, il grande progetto ideato da Stefania Ricci. Le opere di Lucy e Jorge Orta, la sperimentazione in campo architettonico di Bureau Baubotanik, il grande manifesto ideato da SOS la scuola per la sostenibilità curata da Mario Cucinella, e la nuova rassegna video selezionata da Paola Ugolini per Beatrice Bulgari, sono un contributo reale al futuro. Gli artisti si mettono in gioco declinando i processi creativi verso la formazione di nuovo pensiero e di  nuovi comportamenti. Non abbiamo molto tempo a disposizione per invertire l'inesorabile desolazione. Ma loro, gli artisti, sono in prima linea e con loro il Museo Novecento che è sempre più un laboratorio culturale internazionale. Anche la mostra dedicata a Vincenzo Agnetti, che inaugura in questi stessi giorni, è su questa linea. I visitatori scopriranno le opere di un protagonista del contemporaneo che ha messo sotto osservazione il linguaggio fin dagli anni sessanta. Parole come territorio, città, comunità, conservano un significato e un valore politico su cui è bene riflettere per non cadere in antichi errori ideologici a servizio di forze distruttive e alienanti, piuttosto che creative e inclusive”.

Per porre attenzione alle problematiche sempre più attuali della sostenibilità nelle più diverse forme, dall'ambiente al paesaggio urbano, dal riuso fino alla innovazione ed alla sperimentazione tecnologica, il Museo Novecento entra nel progetto Sustainable Thinking organizzato dal Museo Ferragamo e dalla Fondazione Ferragamo (con il contributo di Intesa Sanpaolo) e presenta tre nuove mostre e una rassegna video. Sono parte del progetto Room. LUCY + JORGE ORTA (12 aprile 2019 - 4 luglio 2019), mostra curata da  Arabella S. Natalini, Stefania Ricci e Sergio Risaliti che si divide tra il Museo Novecento e la Sala Udienze di Palazzo Vecchio, Baubotanik – a renaissance of what exactly? (12 aprile-4 luglio 2019), nuovo appuntamento del ciclo Il Tavolo dell’Architetto curato da Laura Andreini e dedicato questa volta a Oliver Storz e Hannes Schwertfeger fondatori dello studio Bureau Baubotanik di Stoccarda. E ancora Sustainable Thinking Evolution (12 aprile 2019 - 4 luglio 2019), nuovo appuntamento del progetto The Wall, curato per l'occasione da Mario Cuccinelli Architects e Sos - School of Sustainability e infine Before we vanish (12 aprile 2019 - 4 luglio 2019), rassegna video  ideata da Beatrice Bulgari per In Between Art Film, a cura di Paola Ugolini per la sala cinema del museo.  Inoltre il 12 aprile apre i battenti un nuovo appuntamento del progetto Solo, dedicato di volta in volta ad un protagonista dell'arte del XX secolo. Questa nuova mostra è dedicata a Vincenzo Agnetti ed è curata da Giovanni Iovane (fino al 4 luglio).

Per ulteriori informazioni: www.museonovecento.it