Home > Webzine > Fabbrica Europa: "I didn't say anything", le danze di Guodong e Yan al PARC di Firenze
mercoledì 13 novembre 2019

Fabbrica Europa: "I didn't say anything", le danze di Guodong e Yan al PARC di Firenze

10-05-2019
Venerdì 10 alle ore 19.00 e sabato 11 maggio 2019 alle ore 21.00 è in programma lo spettacolo "I didn't say anything" di Lian Guodong e Lei Yan nel nuovo spazio PARC - Performing Arts Research Centre al piazzale delle Cascine, per la XXVI edizione del festival Fabbrica Europa.

La pièce, parte progetto Focus Cina - Corpo, ideologia, contemporaneità, è co-creata da Lian Guodong e Lei Yan ed è un’esplorazione che, partendo dalla concretezza del corpo, arriva alla dimensione immaginaria dello stesso, degli oggetti e delle azioni sceniche. In questo percorso i due coreografi hanno cercato di scoprire una sorta di potere al di là del movimento fisico e del testo teatrale, per aprire altre possibilità espressive. Un’espressione che è anche un’introspezione sull’essenza della performance, una riflessione sull’invalidità, sulla disarticolazione e sul riallineamento del corpo. E anche sul silenzio che dobbiamo mantenere e che si nasconde alla luce del sole.

Lian Guodong è un coreografo indipendente di Pechino. Dopo la laurea in letteratura alla Capita Normal University, si è formato in danza contemporanea presso la Beijing Modern Dance Company. Nel 2004 si è unito al Jinx Dance Theatre di Shangai e nel 2005 è entrato a far parte di Beijing Dance/LDTX. Coreografo e danzatore dal 2006, ha collaborato con numerose compagnie come Living Dance Studio, Paper Tiger e Wang Jianwei. È stato invitato da Emio Greco / PC ad Amsterdam nel 2010 con il progetto di danza “Beyond China”, e ha ottenuto una borsa di studio dell’America Dance Festival nel 2012. Le sue opere sono state invitate in molti festival a Pechino, Guangzhou, Shangai, Kunming e Hong Kong.
Lei Yan è una danzatrice e coreografa dello Hubei residente a Pechino. Si è diplomata alla Beijing Dance Academy nel 2006, dove ha insegnato danza moderna negli anni seguenti. Tra il 2009 e il 2011 ha fatto parte della Beijing Modern Dance Company con cui si è esibita in Cina e Israele (Europalia). Tra il 2011 e il 2014 si è unita alla compagnia Tao con cui ha danzato, tra gli altri, al Lincoln Arts Centre Festival, Sidney Opera House Spring Festival, Festival di Vienna, il New Wind Festival di Taiwan, Sadler’s Wells Theatre. Come coreografa è stata invitata al CCD Independent Choreographer Project, Beijing Cross Festival, Shangai Fringe Festival, Guandong Modern Dance Festival e I-Dance Festival Hongkong. Collabora spesso con la compagnia Paper Tiger.

Focus Cina - Corpo, ideologia, contemporaneità
Quando si sente parlare di arti sceniche cinesi, la mente va immancabilmente alle stesse immagini: le movenze languide dell’opera di Pechino, le prodezze fisiche di acrobati e contorsioniste, le immense coreografie di gruppo. Cartoline di una Cina esotica, lontana nel tempo e nello spazio, difficile da conciliare con la nostra idea (italiana, europea) di “contemporaneità”. Suggestioni che solleticano la fantasia suggerendo una differenza sostanziale, irriducibile, fra “noi” e “loro”. Dietro l’immagine bidimensionale riproposta incessantemente dai media, ci sono non una ma tante Cine diverse. E la danza contemporanea rispecchia bene il dinamismo di questo paese: una realtà in mutamento, sfaccettata, in cui tradizione e sperimentazione coesistono e dialogano in modo complesso. La rassegna “corpo-ideologia-contemporaneità” intende proporre, al pubblico italiano ed europeo, una panoramica ampia sulla recente produzione di danza e arti visive cinesi.
Cinque coreografi emergenti presentano il loro lavoro attraverso spettacoli, performance e workshop. Al centro della loro ricerca, il corpo, e le diverse forze ideologiche che (in ogni periodo storico) lo attraversano, condizionano, definiscono.
Dal corpo come luogo di resistenza di Lian Guodong/Lei Yan al corpo come ricettacolo della memoria di Wu Hui e Yu Yanan; dal corpo queer e provocatorio di Er Gao alla ricostruzione archeologica del corpo di Tian Tian. Oltre alla parte performativa, il programma offre occasioni di approfondimento con lectio magistralis di personalità accademiche, incontri con gli artisti e momenti di sharing con coreografi italiani. Anche l’aspetto visivo avrà un ruolo centrale, con filmati e contributi video che ripercorrono momenti e personalità salienti della danza contemporanea cinese. Fabrizio Massini, curatore.

Fabbrica Europa è il festival internazionale sulla contemporaneità, arrivato alla sua ventiseiesima edizione affronta il 2019 con lo slancio di un nuovo inizio. Un Festival diffuso sulla città di Firenze che animerà diversi spazi, teatrali e non, con un continuo attraversamento di gesti performativi, sonori e artistici che esprimono i segni di una geografia creativa espansa che dall’Europa arriva all’Asia, passando per il Sud del mondo.

Per informazioni: www.fabbricaeuropa.net  

AC