Home > Webzine > Mostra online della Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut
sabato 31 ottobre 2020

Mostra online della Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut

12-06-2019
A partire dall’11 giugno 2019 la Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut presenta una mostra online dedicata al rapporto tra fotografia e migrazione. Sei personalità artistiche (tra cui un collettivo) sono state invitate a presentare al pubblico, unite dal tema dell’“incontro”, le loro fotografie e immagini, ma anche le loro esperienze. Le prospettive individuali sono varie, e stimolano una riflessione sulle modalità di circolazione delle fotografie, sugli interessi rappresentati nonché sull’opportunità etica di mostrare persone e oggetti collegati alla migrazione.

Fotografia e migrazione: di fronte a questo binomio ognuno di noi non può fare a meno di pensare alle immagini che ci arrivano quotidianamente attraverso la stampa e i social media. Immagini che mostrano una tragedia collettiva, ma anche destini individuali segnati da speranza e delusione, sradicamento, esilio e diaspora, trauma e memoria, identità e diversità. Alcune di queste immagini tendono a diventare iconiche limitandosi a rappresentare, se non addirittura estetizzare la migrazione. Altre creano invece momenti di incontro: tra migranti, fotografi, artisti e attivisti.

Proprio nel segno di questi “incontri”, l’attuale mostra online Encounters: Migrants * Photographers * Artists * Activists raccoglie serie di immagini a cui gli autori hanno allegato anche didascalie e brevi testi. Diversi sono i formati e le angolature scelte dagli artisti Fide Dayo (Nigeria), Reza Haidari (Afghanistan/Iran), Morteza Khaleghi (Afghanistan/Iran), Rob Pinney (Gran Bretagna), Massimo Ricciardo (Italia) e dal collettivo internazionale Migrant Image Research Group (Egitto, Germania, Francia, Italia e Polonia). La mostra online pone questioni di scottante attualità sulla diffusione mediale delle fotografie, sugli interessi dei committenti e degli artisti, nonché sull’etica relativa alla esposizione di persone e oggetti connessi al tema della migrazione.

I contributi presentati in questa mostra risalgono in parte al convegno Encounters: Handling, Placing and Looking at Photographs in Relation to Migration, organizzato nell’autunno 2017 dal Max Planck Research Group “Objects in the Contact Zone” insieme alla Fototeca del Kunsthistorisches Institut in Florenz e in collaborazione con Villa Romana. Il dialogo allora avviato tra studiosi e artisti viene adesso proseguito nello spazio virtuale, da una parte nella mostra online, dall’altra nell’International Journal for History, Culture and Modernity, in cui verrà pubblicata una selezione dei contributi scientifici presentati al convegno.

Per ulteriori informazioni: http://photothek.khi.fi.it/documents/oau