Home > Webzine > "Artgarden", laboratori e concerti al Giardino dell'Orticoltura di Firenze
lunedì 18 novembre 2019

"Artgarden", laboratori e concerti al Giardino dell'Orticoltura di Firenze

24-07-2019

La rassegna Artgarden, a cura dell’Associazione Heyart, alla sua sesta edizione, nasce dall’idea  di impreziosire il Giardino dell'Orticoltura di Firenze (Via Vittorio Emanuele II, 4) attraverso un connubio di suoni, colori e immagini, una contaminazione acustica e visiva per permettere l'incontro tra ambiente naturale e opera d'arte. Il progetto punta alla condivisione dei processi creativi e a creare uno spazio di interazione fra il pubblico e varie discipline artistiche: live painting, visual art, ritrattistica, performance di musica, danza e teatro ma anche workshop tematici e laboratori.

Programma

24 luglio
Ore 19.00 CI VUOLE UN FIORE, Workshop di uncinetto per adulti con Kate Alinari
Impara a lavorare a uncinetto divertendoti con Kate Alinari. In una serata realizzerai il tuo primo fiore a uncinetto, perfetto per giacche, borse e bellissimo tra i capelli!
Laboratorio aperto a tutti anche ai principianti. I più esperti che hanno solo voglia di sferruzzare in compagnia, possono unirsi al gruppo senza prenotare, portando il proprio lavoro a maglia o a uncinetto.
COSTRUISCI UN ERBARIO, Workshop per adulti a cura di Fatacadabra
Costruisci un erbario in carta riciclata nel quale verranno poste ad essiccare delle erbe aromatiche che verranno anche da te stampate per realizzare segnalibri e cartoline.

ORE 20 
INDIETRO NEL TEMPO
Performance musicale di Pier Paolo Limiti, Leonardo Piromalli, Marco Silvestri, Davide Tamburrini
Un viaggio nella musica italiana che va dal secondo dopoguerra agli inizi del nostro secolo attraverso i momenti più importanti di questa fantastica stagione che ha visto l’evolversi della nostra tradizione musicale divisa fra l’imitazione dei contemporanei modelli americani e l’antica tradizione operistica delle grandi arie ereditata più tardi dalla grande canzone napoletana. Un percorso in quell’atmosfera di languida magia e leggerezza che caratterizzò questo periodo, nella speranza di poter aiutare l'emergere di un ricordo o un tenero sorriso a riaffiorare alla memoria e potersi così abbandonare per il timido spazio di un paio d’ore alle splendide note di questi brani.
Laboratorio a cura di Isotta Caria
Raccontare è da sempre un modo per legarci al tempo. Dargli un senso, un valore. Soffermarsi sulla narrazione dietro un oggetto, cosa è stato, cosa sarà, ci permette di riflettere anche sulle nostre storie. Perché ci sono elementi materiali da cui è così difficile separarsi, pur appartenenti ad epoche diverse dalle nostre? Perché invece alcuni oggetti ci sono così invisibili e indifferenti? 
Proviamo a ribaltare questa prospettiva e ad entrare nella vita e nei percorsi di quelle cose che hanno un impatto passeggero su di noi, dandogli uno spazio per parlare. Da una serie di oggetti, si potrà scegliere quello di cui inventarne la storia, arricchendolo di tutti i materiali e strumenti che saranno a disposizione.  

29 luglio
Ore 19.30 Katrien Snoeys

La musica di Katrien Snoeys, delicata e decisa allo stesso tempo, è caratterizzata da un suono acustico di matrice indie/folk, e sembra provenire dalle profondità del suo animo. Fiamminga d'origine, ma italiana d'adozione, riesce sempre a creare un'atmosfera intima durante le sue performance.
Ore 21 video mapping sulla Loggetta Bondi a cura del visual artist David Hartono
Durante la serata, live painting dello street artist M11.

Per maggiori informazioni: https://www.facebook.com/associazioneheyart/