Home > Webzine > Estate Fiesolana: "Eneide" lo spettacolo con Maddalena Crippa al Teatro Romano di Fiesole
mercoledì 20 novembre 2019

Estate Fiesolana: "Eneide" lo spettacolo con Maddalena Crippa al Teatro Romano di Fiesole

01-08-2019
Giovedì 1 agosto 2019, alle ore 21.15, al Teatro Romano di Fiesole (via Portigiani, 1 - Fiesole - Firenze), nell'ambito dell'Estate Fiesolana, si svolgerà lo spettacolo "Eneide - un racconto mediterraneo" con Maddalena Crippa. Prima dello spettacolo si svolgerà un Concerto al Tramonto sulla Terrazza del Teatro Romano, ad ingresso libero dalle ore 19.30, a cura della Scuola di Musica di Fiesole.

Il progetto del direttore artistico Sergio Maifredi di consegnare alla voce viva degli attori i classici della letteratura occidentale, dopo l’Odissea e l’Iliade, prosegue con Eneide un racconto mediterraneo, sei appuntamenti con il poema di Virgilio. Maddalena Crippa in Didone nel libro IV. Una produzione di Teatro Pubblico Ligure, direttore di produzione Lucia Lombardo.

Un canto di raffinata poesia che ha dato vita ad innumerevoli e, in molti casi, straordinarie riscritture, basti pensare alla struggente Didone abbandonata di Metastasio. Un canto di passione totale, di un amore che sfida gli dèi. Didone passa dall’innamoramento all’ira, dall’estasi alla devastazione, fino al suicidio.
Maddalena Crippa affronta la parola di Virgilio come in un combattimento: non indietreggia di fronte alle difficoltà della parola, non le evita e non cerca scorciatoie né via di fuga. Le sue pause valgono un saggio critico.

La fortuna strepitosa dell’Eneide ha reso il testo di Virgilio uno dei libri fondativi della cultura occidentale. Quella di Virgilio è l’ennesima variante di un mito complesso che aveva alle spalle già un millennio di vita e che nel corso dei secoli ha continuato ad arricchirsi e modificarsi. Da quel crogiolo di storie che è la guerra di Troia, da quel vero e proprio Big Bang dell’universo mitologico greco romano, Enea, l’eroe di Virgilio, era destinato a salvarsi, a differenza di eroi come Achille o Ettore il suo destino non era circoscritto al presente, ma abitava per vocazione la dimensione del futuro.
Eneide è un racconto antico e al tempo stesso nostro contemporaneo: sul Mediterraneo, è stato detto, si fonda l’Europa e sul Mediterraneo si sta consumando la frattura politico e sociale dei popoli diversi che su questo mare si affacciano.

Per ulteriori informazioni: www.bitconcerti.it


JB