Home > Webzine > "...e la vita bussò", l'album per i 50 anni di canzone di Mario Lavezzi alla Feltrinelli RED
giovedì 28 maggio 2020

"...e la vita bussò", l'album per i 50 anni di canzone di Mario Lavezzi alla Feltrinelli RED

04-11-2019
Lunedì 4 novembre 2019, dalle ore 18.00, presso la Libreria Feltrinelli RED di Firenze (piazza della Repubblica, 26) si terrà la presentazione dell'album "...e la vita bussò" per i 50 anni di canzoni di Mario Lavezzi, con le migliori canzoni scritte, prodotte e interpretate, celebrerà questo importante anniversario.

Mario Lavezzi, nato l’8 maggio 1947 a Milano Mario Lavezzi manifesta fin da giovanissimo un’incontenibile passione per la chitarra, che studia prima da autodidatta e, successivamente, presso la Scuola Civica di Milano. Nel 63 dall’incontro di Mario con altri amici del quartiere dove viveva, nasce un gruppo studentesco denominato “I Trappers” di cui facevano parte oltre a Lavezzi, (che ne sarà il cantante-chitarrista), Tonino Cripezzi (che nel 65 entrerà a far parte dei “Camaleonti”), Bruno Longhi (ora noto cronista sportivo), Mimmo Seccia e Gianfranco Longo (che nel 66 entreranno nei “Ragazzi della via Gluk”). Alla fine del 68 incontra Mogol e inizia la sua attività di compositore, scrivendo “Il primo giorno di primavera”, il cui testo è stato scritto da Cristiano Minellono e lo stesso Mogol. La canzone, prodotta da Lucio Battisti e da Mogol, fu portata al successo da “I Dik Dik” raggiungendo nel settembre del 69 il primo posto in classifica.
Nasce in quel periodo la NUMERO UNO, mitica etichetta discografica fondata da Mogol e Battisti che darà inizio alla carriera di moltissimi artisti tra i quali: Edoardo Bennato, Gianna Nannini, Formula 3, Premiata Forneria Marconi, Adriano Pappalardo, Flora Fauna e Cemento, Bruno Lauzi, Umberto Tozzi, Oscar Prudente e molti altri. Lavezzi entra subito a farne parte, come autore, produttore e interprete. Nel 1969 usciva Il primo giorno di primavera, nella memorabile interpretazione dei Dik Dik. Si tratta del primo brano composto da Mario Lavezzi che da lì in poi si affermerà come una tra i più influenti autori, produttori e interpreti della musica Italiana. Nell’83 Lavezzi assume la produzione di Fiorella Mannoia realizzando gli album “Fiorella Mannoia” (CGD), “Premiatissima” (Ariston), “Momento delicato” (Ariston), “Fiorella Mannoia” (Ariston). Recentemente Mario ha prodotto l’album triplo di Ornella Vanoni “Un pugno di stelle” che contiene anche il successo di Sanremo “Bisogna imparare ad amarsi”. E’ un cofanetto che comprende tre CD composti dalla maggior parte delle canzoni che hanno fatto la storia musicale dell’artista.

Ingresso libero.

Per ulteriori informazioni: www.lafeltrinelli.it

JB