Home > Webzine > Leggere per non dimenticare: "Nondimanco. Machiavelli, Pascal" di Carlo Ginzburg alle Oblate
domenica 25 ottobre 2020

Leggere per non dimenticare: "Nondimanco. Machiavelli, Pascal" di Carlo Ginzburg alle Oblate

08-01-2020
Mercoledì 8 gennaio 2020, alle ore 17.30, alla Biblioteca delle Oblate di Firenze (via dell'Oriuolo, 26) per la rassegna "Leggere per non dimenticare" è in programma la presentazione del libro "Nondimanco. Machiavelli, Pascal" di Carlo Ginzburg (Adelphi, 2019). Presenta l'evento: Adriano Sofri.

L’autore confronta e poi dimostra come il pensatore francese, Blaise Pascal, si sia nutrito dei pensieri del Segretario fiorentino, restandone debitore, al pari di altri, pur essendone lontano. Da Machiavelli a Pascal attraverso la teologia politica, fino a Carl Schmitt e Tomasi da Lampedusa.

Machiavelli, Pascal: un accostamento inatteso, per più versi sorprendente. Machiavelli, frugando nella biblioteca di suo padre, scopre la casistica medievale e mette il rapporto tra la norma e l'eccezione al centro di un mondo inventato (la "Mandragola") e di quello in cui vive e agisce ("Il Principe"). Pascal, feroce avversario della casistica (soprattutto quella dei gesuiti), legge Machiavelli attraverso la lente di Galileo, e la realtà del potere attraverso Machiavelli. Un viaggio negli intrichi della lettura, sulle tracce di due lettori straordinari - e dei loro interlocutori, avversari, seguaci. Vi si affacciano personaggi famosi (Campanella, Galileo) visti dal loro censore, il domenicano Niccolò Riccardi, detto «Padre Mostro»; e personaggi meno noti, come Johann Ludwig Fabricius, al quale una lettura obliqua delle "Provinciali" di Pascal consente di proporre un'immagine inedita del «religiosissimo» Machiavelli. Un invito a leggere tra le righe, lentamente, testi cifrati, spesso criptici. Per anni Carlo Ginzburg ha lavorato su casi molto diversi tra loro, tutti però fortemente anomali. L'incontro con la casistica - ossia la tradizione, all'incrocio tra teologia e diritto, che riflette sulla tensione tra norma e anomalia, a partire da casi specifici - era forse inevitabile. Un tema insieme lontanissimo e vicino: ferita a morte da Pascal e resuscitata dalla bioetica, la casistica non smette di interrogarci, nei suoi risvolti tragici o grotteschi.

Un trattato che mette in discussione la secolarizzazione della storia e spezza una lancia a favore dell’inaspettato, dell’imprevisto che sconvolge la visione comune.

Per ulteriori informazioni: www.leggerepernondimenticare.it