Home > Webzine > Comicità in sala
sabato 14 dicembre 2019

Comicità in sala

09-02-2007
Ecco alcune segnalazioni per il week end teatrale a Firenze dal 9 all'11 febbraio . La Pergola presenta "Gallina Vecchia" di Augusto Novelli con la regia di Piero Maccarinelli. Commedia che mescola il divertimento schietto, quasi popolare, con un fondo di crudele amarezza. Gallina Vecchia porta in scena le non sopite voglie di un'arzilla vedova, lanciata in un pericoloso gioco di seduzione che sconvolgerà il sonnacchioso tran tran sia del sanguigno amante della signora che quello di una giovane coppia di irascibili fidanzatini mal assortiti. Scritta nel 1911 Gallina Vecchia di Augusto Novelli è uno dei più bei testi non solo del teatro toscano, ma del teatro italiano d'inizio secolo; cavallo di battaglia di grandi attrici toscane, da Sarah Ferrati a Marisa Fabbri, questa stagione è interpretato da Marina Malfatti, reduce dal grande successo di Sorelle Materassi. Al Teatro Le Laudi in Via Leonardo da Vinci 2/R, per questo fine settimana, "Plaza suite" per la regia di Marco Predieri con Anna Montinari. La scena si sposta in questo caso a New York, in una suite. Due coppie in due diversi momenti,due incontri, due singolari storie tra quelle pareti, testimoni silenti del passaggio di chissà quante vite, esistenze che anche solo per una notte hanno consumato lì il loro tempo, le loro emozioni… la loro intimità. Nella suite 719 assisteremo all’incontro tra due vecchie conoscenze, due ex fidanzatini della periferia americana, lei diventata casalinga modello e moglie devota nella rispettabile comunità d’origine, lui fuggito alla stringete vita di paese e oggi affermato produttore cinematografico tra le brillanti stelle hollywoodiane. Un salto e la stessa camera sarà testimone di un’agitata vicenda nuziale, che ha per protagonisti i genitori della sposa, alle prese con un’emergenza dai risvolti esilaranti e devastanti, il matrimonio della loro unica bambina. L’incalzare degli eventi e il precipitare della situazione, che non sveliamo per non togliere il gusto allo spettatore di scoprirla, sarà il pretesto per un confronto tra i due, un bilancio di vita per un finale per niente scontato. Humour e comicità, velo superficiale di piccole e grandi malinconie, com’è la vita, coi suoi capricci, le sue burle e le improvvise prese di coscienza.