Home > Webzine > "Favole da riformatorio", conversazione con Ugo Cornia alla Libreria Libraccio di Firenze
giovedì 28 maggio 2020

"Favole da riformatorio", conversazione con Ugo Cornia alla Libreria Libraccio di Firenze

11-02-2020
Martedì 11 febbraio 2020, alle ore 17.00, la libreria Libraccio di Firenze (Via de' Cerretani, 16r) ospiterà una conversazione con Ugo Cornia a partire da "Favole da riformatorio" (Feltrinelli). Partecipano, con lo scrittore, Gianluca Bonaiuti e Ubaldo Fadini.

Lupi sfrattati o in pensione, alci disoccupate che si ammalano di depressione, Raperonzolo, Cipollonzolo e Pomodoronzolo rapiti dalla jihad agroalimentare, un gattino che voleva diventare il gatto con gli stivali ma non ha i soldi per comprarsi degli stivali...
Attingendo dalla tradizione classica delle favole, e stravolgendola, Ugo Cornia scrive e riscrive venti fabliaux contemporanei, rispettandone per argutezza lo spirito antico ma attualizzandone la critica sottesa ai comportamenti e ai costumi del nostro vivere. Senza mai rinunciare alla leggerezza e a uno stile piano, accessibile, queste favole si aprono spesso allo scavo profondo dei sentimenti – per esempio ne La favola della cicogna, che “dopo una vita di lavoro indefesso, ormai stanca di tutto, aveva sviluppato in sé il sentimento dell’estrema tragicità dell’esistere, cosa che nella sua testa si traduceva nella frase ‘meglio sarebbe stato il non esser mai nati’”. Non manca neppure l’ironia nei confronti di alcune mode editoriali, come nella favola che chiude la raccolta – quella dei personaggi di favole famose che un bel giorno hanno voluto lasciare la propria favola per trasferirsi in un noir. Venti favole dissacranti e fanciullesche per un Natale “da riformatorio”.

“C’era una volta.”
“E poi?”
“È finita. Era una delle storie più brevi del mondo.”
“Sì, ma non c’era niente. Non è una storia vera.”
“Va be’, allora se vuoi te ne racconto un’altra. C’era una volta un cane.”
“E poi?”
“È finita di nuovo.”
“Va be’, è uguale a quell’altra.”
“Ma che cazzo dici. Guarda che è più lunga del 50 per cento rispetto a quell’altra.”

Ugo Cornia è nato a Modena nel 1965. Suoi racconti sono apparsi su “Il Semplice”. Ha pubblicato con Sellerio i romanzi Sulla felicità a oltranza (1999), Quasi amore (2001), Roma (2004) e Le pratiche del disgusto (2007); ha pubblicato inoltre: Modena è piccolissima (edt, 2009; con Giuliano Della Casa;), Operette ipotetiche (Quodlibet, 2010), Autobiografia della mia infanzia (Topipittori, 2010) e Sono socievole fino all’eccesso. Vita di Montaigne (Marcos y Marcos, 2015). Per Feltrinelli sono usciti: Le storie di mia zia (2008), Il professionale. Avventure scolastiche (2012), Animali (2014), Buchi (2016) e Favole da riformatorio (2019).

Per ulteriori informazioni: www.libraccio.it