Home > Webzine > Appunti per un Cantiere poetico: incontro con Francesca Mazzotta alla RSA Il Giglio
venerdì 30 ottobre 2020

Appunti per un Cantiere poetico: incontro con Francesca Mazzotta alla RSA Il Giglio

16-02-2020
Domenica 16 febbraio 2020, alle ore 16.00, è in programma un nuovo appuntamento della rassegna "Appunti per un Cantiere poetico - A merenda preferiamo la poesia", promosso da Cantiere Futurarte, nella struttura socio sanitaria RSA "Il Giglio" (Via Santa Maria a Cintoia 9/A - secondo piano). Sarà ospite Francesca Mazzotta per un incontro sui generis che alla lettura dei testi coniugherà improvvisazione.

Istante
"Il vento che dal nulla bianco se corriamo in piazza
ci sfila le ombre ci dona una mania d’onnipotenza
proviene dal bicipite del frate che aziona la campana che vibra
spaventando un minuscolo bimbo stridulo in collo a sua madre
vuole sua madre soltanto
mentre corriamo nel nulla bianco
d’un mondo più simile all’olimpo

di certo il solstizio più bello di sempre provvisorio
come le lucciole sopra le scale che portano all’orto
mannari vampiri gufi ladri ogni creatura all’inverso

come il paesaggio trainato dai treni quando riparto
per incontrare l’incerto mi lascio indietro l’incerto."

Francesca Mazzotta è nata a Firenze nel 1992. Specializzandosi in poesia italiana contemporanea, ottiene presso l’Università di Bologna la laurea triennale in Lettere Moderne con una tesi sulla prima produzione di Andrea Zanzotto, e la laurea magistrale in Italianistica con una tesi sul poemetto novecentesco. Nel 2015 vince il premio Elena Violani Landi, bandito dal Centro di Poesia Contemporanea e dall’Università di Bologna. Nel 2016 vince il premio InediTO – Colline di Torino, che le garantisce la pubblicazione del suo primo libro di poesie, Reduci o redenti (CartaCanta editore, 2016). Suoi testi poetici, narrativi e critici sono comparsi su blog (Perigeion) e riviste (Atelier, Cultura Commestibile, Flanerì, Midnight, Quid Culturae). È in corso di pubblicazione per la rivista Ticontre un suo saggio sul rapporto poesia-guerra nelle due raccolte “belliche” di Ungaretti e Sereni, rispettivamente Il Porto Sepolto (1916) e Diario d’Algeria (1947). Con Reduci o redenti è nel 2018 tra i vincitori del Premio Solstizio e tra i selezionati del Premio Internazionale di letteratura Città di Como, in entrambi per la sezione Opera Prima.

Prossimi appuntamenti della rassegna "Appunti per un Cantiere poetico - A merenda preferiamo la poesia"
29 Marzo Paolo Ciampi
16 Aprile Roberto Balò con la collaborazione di Porto Seguro Editore
10 Maggio Silvana Kühtz
21 Giugno Sara Moran

Per maggiori informazioni: www.cantierefuturarte.com