Home > Webzine > "La Natura delle cose", il compleanno di Impact Hub Firenze e BUH! Circolo culturale urbano
sabato 06 giugno 2020

"La Natura delle cose", il compleanno di Impact Hub Firenze e BUH! Circolo culturale urbano

22-02-2020

Nel 2014 all’interno dell’ex-area industriale delle dogane di Rifredi nasce Impact Hub Firenze, in via Panciatichi 16: uno spazio dedicato a persone che si incontrano per lavorare, collaborare e sviluppare progetti comuni. Oggi il coworking ospita una comunità di circa 200 membri (suddivisi fra freelance e piccole-medie imprese) e attiva più di 100 collaborazioni annuali fra di loro. A ciò si aggiunge l'attività di BUH! Circolo culturale urbano che in soli 3 anni ha proposto 125 eventi, ospitando 600 artisti da 30 paesi diversi.  

Sabato 22 febbraio 2020 Impact Hub e BUH! celebrano i loro rispettivi compleanni con una festa a tema “green” intitolata “La Natura delle cose”: dalle 10 del mattino mercatino bio e a km zero con produttori e artigiani del territorio, molti dei quali provenienti dal network Genuino.Zero. Tra i partecipanti: Orto di Vaggio, Da Pagliana. L'orto di Casaglia, Historiam, I Colli di Marliano, TheStrayShop, L'Ideista, Tratatart, Le Spontanee, Azienda agricola Salerno Orazia e Bucolica Circolo Culturale Agricolo.
Ampio spazio anche ai laboratori per grandi e piccoli ispirati ai mestieri agricoli, ma non solo. Oltre a scoprire i grani antichi e come trasformarli in farina, sarà possibile preparare la pasta fresca con farina bio di grani antichi Verna, senza dimenticare di venire a conoscenza delle interessanti proprietà della farina di castagne. Il tema “green” si sposa perfettamente al laboratorio di costruzione di centraline per la rilevazione della qualità dell’aria, ma anche ai laboratori all'insegna del riciclo e del riuso "More Than A Sock", "More Than A Roll Of Paper" e "More Than A Bottle Cap" per imparare l'inglese giocando. Con gli olii essenziali sarà possibile scoprire come prendersi cura della propria pelle, mentre musica e teatro saranno protagonisti nel laboratorio "C’è Un Pianeta da Salvare".  
Le attività sopraindicate si svolgeranno nell'arco dell'intera giornata (info e orari su florence.impacthub.net/eventi/la-natura-delle-cose) alle 15:30 invece, in collaborazione con la Fondazione culturale Niels Stensen, si terrà la proiezione di "Antropocene, l'epoca umana": docufilm canadese che racconta le trasformazioni del pianeta generate dall'azione umana. Un film diretto dalla coppia di cineasti Jennifer Baichwal e Nicholas de Pencier insieme a Edward Burtynsky, uno dei più grandi fotografi paesaggisti al mondo (Ingresso gratuito fino a esaurimento - prenotazione posti al link: http://bit.ly/antropocene2202).

Alla sera la cucina Popolare di Rifredi e la rassegna Indie Italian Disco 

A partire  partire dalle 20 (non è necessaria la prenotazione) una cena vegetariana che ancora una volta vede protagonista in cucina Francesco Bucciarelli, mentre alle 22:30 “Max Collini legge l'indie”: un reading in cui  il frontman degli Offlaga Disco Pax  recita, legge, racconta testi, modi, tempi, metodi e linguaggio di ciò che viene comunemente chiamato “indie” e come sia cambiato nel corso di questo decennio. Come alcuni gruppi considerassero il loro punto di arrivo riempire il piccolo Covo club di Bologna, per poi ritrovarsi a mandare "completamente sold out" il Forum di Assago e altri luoghi prima frequentati solo per vedere le partite di basket. Cosa abbia reso possibile il fatto che il principe dell'indipendenza (sua maestà Manuel Agnelli) sia finito a fare il giudice a X Factor, senza dimenticare il figliol prodigo di quella storia (Lodo Guenzi). In mezzo Calcutta, Coez, Coma Cose, i Cani, Gazzelle, Lo Stato Sociale, Achille Lauro, Young Signorino e chi più ne ha più ne metta. Il nuovo pop, il vecchio cantautorato, la trap romagnola, le parole, i testi, le note, ma anche lo sconforto, l'invidia, l'ironia e, a tratti, l'ammirazione. Per chi ce l'ha fatta, per chi vorrebbe farcela e per chi non ce la farà mai.
Dopo il reading di Collini spazio ai Flame Parade, band toscana dedita ad un indie rock contemporaneo e raffinato che torna a calcare le scena con il suo nuovo album "Cosmic Gathering", uscito lo scorso 14 febbraio per Materiali Sonori. I  riferimenti  musicali  del gruppo vanno  a  pescare  nel  new  folk  e nell'indie straniero,  dagli  Arcade  Fire  ai  Foxygen,  da  Kevin  Morby a  Devendra Banhart o i Fleet Foxes. I Flame Parade sono musicisti con diverso  background, diverse personalità artistiche che hanno come comune denominatore una forte idea di comunione e aggregazione. Questo è il punto saldo dell’universo tematico della Parata, un “Raduno  Cosmico”  che accoglie  in maniera  spontanea  e  creativa  qualsiasi persona,  senza distinzione  di  genere, razza,  provenienza  e orientamento sessuale. L’album è preceduto  da  due  singoli: la  title track  e “Kangaroo”,  proposti  con due videoclip, di notevole successo, diretti da Pierfrancesco Bigazzi.
Chiude il programma Smalto Djs Collective:  il djset tutto al femminile per riscoprire le perle dimenticate della musica italiana. A cura di Mimmy, La Ponto e Michelle Davis.

L’ingresso - sia per gli eventi gratuiti diurni, sia per quelli a pagamento serali - è riservato ai soci “BUH! Circolo Culturale Urbano – Circuito ENTES”. A partire dalle ore 20 contributo d'ingresso all'attività culturale 7 €.

La Natura delle cose è un evento promosso da LAMA, agenzia di consulenza per l’innovazione che nel 2014 ha fondato Impact Hub, in collaborazione con l’associazione La Scena Muta e tanti altri partner che hanno scelto di aderire all’iniziativa partecipando attivamente all’organizzazione de La Natura delle Cose. Tra questi, anche molte realtà che lavorano ogni giorno per la difesa dell’ambiente e la promozione di stili di vita sostenibili: Filippo Weber Architects, La Fattoria di Arcetri, Genuino.Zero, Bucolica Circolo Culturale Agricolo, Mamme No Inceneritore, Fondazione Stensen, Il Paracadute di Icaro, I Fiori di Pinocchio, MammaMamma, Libreria Florida, Fotolito Toscana, Labsitters, AREA Ingegneria, Le meraviglie di Alice.

Per maggiori informazioni: https://florence.impacthub.net/