Home > Webzine > Il programma di eventi a ingresso libero del Caffè Letterario Le Murate di Firenze
domenica 25 ottobre 2020

Il programma di eventi a ingresso libero del Caffè Letterario Le Murate di Firenze

01-09-2020

Fino alla fine dell'estate e oltre, presso il Caffè Letterario Le Murate (Piazza delle Murate 1, Firenze; ingresso libero) si potrà fruire, oltre del consueto servizio bar e ristorante, di una programmazione regolare di eventi tardo-pomeridiani e serali all’aperto: presentazioni di libri, concerti, spettacoli di danza.

Tutto a ingresso libero, ma nel rispetto della normativa anti-covid: raggiunta la capienza massima consentita, non si potrà entrare finché qualcuno non sarà definitivamente uscito (ingressi contingentati); per questo è consigliabile prenotare allo 055 234 6872.

Programma

Martedì 1 settembre ore 21.15 Film Supercult The Goonies

Mercoledì 2 settembre ore 21.15  concerto Cubania Y tradicion. Un gruppo musicale nato con l'intento di promuovere e far conoscere la musica tradizionale cubana da un'idea di Yorka Rios e Massimiliano Moglio.

Giovedì 3 settembre ore 18.30 presentazione libro Testimone a Chernobyl La catastrofe che sconvolse l’URSS di Francesco Bigazzi.

Giovedì 3 settembre ore 21.30 Marco Poggiolesi alla chitarra e Ferdinando Romano al contrabbasso sono i protagonisti del concerto Tandem – A ruota libera. Il progetto del duo è nato nel 2009, con l’idea di alternare composizioni originali ad accurati arrangiamenti di brani del repertorio cantautorale internazionale, insieme ad alcuni standard della tradizione jazzistica. Il duo ha pubblicato il primo disco, Tandem, nel 2010 con Philology Records nella sezione Revelation Series con la produzione di Paolo Piangiarelli. Il disco è stato ottimamente accolto dalla critica, fin dalla prima recensione del giapponese Disk Union Jazz Tokio. “Questo suono armonioso e soave degli strumenti a corda, senza strumenti a percussione né tastiera, né batteria vi farà estasiare”, si legge nella critica. “Soprattutto nelle romantiche ballate il dialogo fra Marco Poggiolesi e Ferdinando Romano è molto più che coinvolgente”. Nel 2013 esce per Dodicilune il secondo album "Tandem.A ruota Libera” in cui all’impalcatura fondamentalmente acustica si aggiunge l’uso di loop e live electronics.

Venerdì 4 settembre ore 21.30 concerto dei Cats and Dogs, ovvero Enzo Lombardi, cantante e chitarrista, 20 anni di serate e eventi, e Giacomo Ballerini, potente voce blues, uno dei chitarristi più apprezzati in regione. Una serata di rock, blues e pop internazionali e italiani rivisitati per due chitarre acustiche e due voci in un piacevole intreccio musicale fatto di arrangiamenti e medley in costante evoluzione.

Sabato 5 settembre ore 21.30 concerto del Mediterranean Quartet. Paolo Casu: percussioni; Luca Imperatore: chitarra; Alessandro Piccini: chitarra e voce; Enzo Mileo: chitarra e voce. Il quartetto si esibirà in pezzi di samba, musiche e canzoni popolari cubane, con ritmi di rumba, bolero, beguine, bossa nova. Nella seconda parte del concerto proporrà anche musiche di Conte e Caposela. Attraverso una formula completamente acustica, un suono caldo, diretto e avvolgente e gli arrangiamenti talentuosi del quartetto, il pubblico viene trasportato in terre lontane, rapito dal carattere popolare di tutte le musiche che hanno espresso e che esprimono il disagio, la nostalgia, la presenza e la lontananza della loro terra.

Domenica 6 settembre ore 21.15 film The Doors - HWY (Highway)

Martedì 8 settembre ore 21.15 Film Supercult Altrimenti ci arrabbiamo

Mercoledì 9 settembre ore 18.30 presentazione libro L’incredibile storia di António Salazar, il dittatore che morì due volte di Marco Ferrari.

Giovedì 10 settembre ore 21.30 concerto del Giulia Galliani Trio. Giulia Galliani: voce; Andrea Beninati: percussioni e cello; Andrea Mucciarelli: chitarra. Un trio sofisticato e piacevolissimo che propone al nostro pubblico una ricerca sonora rivolta a un'interiorità discreta ma consapevole. Giulia Galliani, Andrea Mucciarelli e Andrea Beninati suonano insieme da anni, durante i quali hanno trovato il feeling adatto per fondere musica jazz, blues, soul e rock, proponendo nei loro live brani d'autori come Amy Winehouse, The Beatles, Alan Parsons Project, Bill Whiters e Joni Mitchell.

Venerdì 11 settembre ore 21.30 il palco ospita Whisky Trail duo, formato da Stefano Corsi (arpa celtica) & Paolo Lamuraglia (chitarra elettrica), esponenti “storici” della musica dell’ultimo quarantennio. Due sonorità inusuali a confronto: arpa celtica e chitarra elettrica. Un esperimento ricco di suoni  e atmosfere coinvolgenti. Le corde di metallo dell'arpa di Stefano Corsi che vibrano insieme alle ance di bronzo dell'armonica con i suoni lunghi e i ritmi intensi della chitarra di Paolo Lamuraglia. Ai due si uniscono Valentina Corsi (voce, harmonium) e Vieri Bugli (violino). Due mondi che si incontrano sul terreno della musica celtica. Una musica ricca di suggestioni che evocano un mitico passato tanto vicino alla sensibilità contemporanea. È il riaffiorare di immagini della natura, di sentimenti forti che vanno ad accendersi nella frenesia dei ritmi di danza. Stefano Corsi è uno dei membri fondatori dello storico gruppo di musica irlandese Whisky Trail con cui, oltre a incidere 15 dischi, ha tenuto centinaia di concerti in Italia e all'estero, alternando l'attività del gruppo con quella da solista (come tale ha pubblicato tre dischi). Paolo Lamuraglia è stato uno dei membri fondatori del gruppo rock progressive Il Trono dei Ricordi con cui, oltre a tenere numerosi concerti live, nel 1994 ha pubblicato negli USA l’omonimo album. Grazie ad una distribuzione internazionale il disco viene ricordato come una delle migliori realizzazioni del rock sinfonico di quegli anni. Attualmente continua a collaborare a vari progetti musicali.

Sabato 12 settembre ore 21.30 Ore 21.00 concerto – Electronic Gospel con Vocal Blue Trains. Fondati nel 2014 da Alessandro Gerini, cantante, vocal coach e arrangiatore italo-polacco, i Vocal Blue Trains sono un gruppo vocale di 36 professionisti, fra cantanti e musicisti, che producono musica polifonica di genere Gospel elettronico. Una realtà poliedrica che sposa l'impronta corale del gospel e della polifonia tradizionale con le moderne sonorità della musica elettronica e dell’ambient house. Hanno attirato attenzione a livello nazionale e internazionale, grazie a importanti collaborazioni con artisti come Ultimo, Gigi Proietti, Neri Marcorè, Sergio Sylvestre, Modà, Equipe84 e Paul Phoenix (King’s Singers).

Domenica 13 settembre ore 21.15 film The song remains the same

Martedì 15 settembre ore 21.15 Film Supercult Amici miei

Mercoledì 16 settembre ore 18.30 Presentazione del numero in uscita di Limes, rivista italiana di geopolitica, a cura di Dario Fabbri

Giovedì 17 settembre ore 18.30 Presentazione de L'occhio del diavolo di Franco Marucci ore 21.30 concerto di Barrio Porteño. Gigi Cardigliano: voce e chitarra, Modestino Musico: fisarmonica, Gabriele Pozzolini: percussioni, Michele Staino: contrabbasso. La poesia di Violeta Parra e Atahualpa Yupanqui, il calore di Cumpay Segundo, l’energia di Juan Manuel Serrat e Carlos Càceres, in un vortice latinoamericano che passa dal candombe alla rumba, dal son alla milonga.

Venerdì 18 settembre Le danze di Gea. Gaia Scuderi: danza espressiva araba; Duccio Rangoni: tastiera. Uno spettacolo di danza e musica che nasce dall'idea dell'abbattimento dei confini in favore dell'unione delle arti e delle culture. La tecnica di danza denominata danza espressiva araba è un’unione fra più generi quali la danza araba, la danza contemporanea e il flamenco; la parte musicale, attraverso le note del pianoforte, si sposta da brani di autori spagnoli, cubani, arabi e inediti, il tutto in un fluire organico e di forte impatto emotivo. Lo spettacolo avrà la durata di circa 60 minuti. Ogni performance danzata avrà un cambio di costume.

Sabato 19 settembre ore 21.30 Hoodoo Farmers, trio musicale formato da William Cavalzani, Giacomo Ballerini ed Alessandro Gerini. Attivi da anni sulla scena live fiorentina, hanno deciso di rimescolare a 360° le loro attitudini musicali creando un progetto dalle influenze country blues intrecciando le loro 3 voci ed accompagnandosi con chitarre, cajon ed armonica. Il risultato è un mix di influenze roots caratterizzato fortemente dalle armonizzazioni vocali.

Martedì 22 settembre da definire

Mercoledì 23 settembre ore 18.30 WikiPedro presenta Non sei mai stato a Firenze se... 4 passeggiate fuori dai soliti giri turistici.

Giovedì 24 settembre ore 18.30 presentazione del nuovo numero di «Micromega» a cura di Cinzia Sciuto; ore 21.30 concerto dei Willotree. Vieri Sturlini: chitarra classica, Lorenzo Consigli: basso elettrico ed effetti, Riccardo Cardazzo: batterie. Un trio acustico fiorentino-mugellano con un repertorio che spazia da standard della tradizione jazz al pop d'autore fino a mash-up di brani che coprono un arco di oltre cinquant'anni, il tutto lasciando grande spazio per l'improvvisazione

Venerdì 25 settembre ore 21.30 ci sono gli Acustica in concerto con lo spettacolo “Trasposizioni Acustiche nell’Arpa di Viggiano”. Massimo Duino: mandolino, Luca Bersaglieri: chitarra, Marco Massari: percussioni, Vincenzo Arvia: organetto diatonico. Un viaggio acustico ancestrale nell’immaginario musicale lucano: il paesaggio sonoro di comunità rurali “in via di estinzione” in cui, attraverso la musica, si celebra “il mito dell’oltre”. Le varietà timbriche e armoniche della musica lucana regalano atmosfere semplici e complesse allo stesso tempo, storicizzando presenti liquidi, ed umanizzando luoghi dell’essere.

Sabato 26 settembre ore 21.30 Femina Ridens: Francesca Messina e Massimiliano Lo Sardo, con la collaborazione di Nicola Savelli alle percussioni, presenteranno alcuni brani in anteprima del loro terzo album in uscita nel prossimo autunno per Radici Music Records. Il live è liberamente ispirato alla musica profana medievale: canzoni trobadoriche, virelai, ballate trecentesche e canti goliardici scritti tra il X e il XIV secolo. Come scriveva Gustav Mahler “la tradizione è la salvaguardia del fuoco, non adorazione della cenere.” La chiave di questo excursus non è quindi filologica, bensì visionaria e animata da ritmiche marziali, armonie vorticose e chitarre indiavolate che aprono nuovi orizzonti psichedelici.

Martedì 29 settembre da definire

Mercoledì 30 settembre ore 18.30 Presentazione: il nuovo libro del prof. De Sanctis con Fondazione Luigi Einaudi

Per ulteriori informazioni e programma: www.lemurate.it